Titolo

Il caso Mastrogiacomo

1 commento (espandi tutti)

I vari casi

palma 9/4/2007 - 14:52

LuigiP mi sembra aver ragione in due direzioni.

1 E' difficile sostenere che vi siano reali alternative al comportamento messo in atto dai governi italiani (trattarono in Iraq per Sig.ra Sgrena e in Afghanistan per Sig. Mastrogiacomo) ottenendo sia il rafforzamento della non credibilita' militare italiota, che i rimbrotti degli alleati.

Durante la 2nda guerra mondiale un generale (australiano, se rammento correttamente) noto' come gli italiani siano miltarmente molto pericolosi per i loro alleati.

I governi sono sotto pressione da parte di una consistente fetta dell'opinione pubblica che marcia per strada, accende candele, innalza Te Deum etc. per salvare una vita. E sembra quasi criminale ignorare tali appelli.

I governi sono anche sotto pressione perche' i rapiti (nei casi in questione) sono parte di elites mediatico-umanitarie- etc. Correttamente si osservo' che poco o nulla venne fatto quando vennero decapitati mlitari mercenari.

I governi sono poi sotto pressione perche' la morte di ostaggi riduce la porzione, non enorme, di votanti che appoggia le loro sortite militari.

Dopo di che, si potrebbe benissimo sostenere che altre "tempre" si comporterebbero in modo diverso. Possibile, ma improbabile, a mio avviso. E comunque non sono quelle le tempre che formano i governi italiani.

Unica ipotesi, a mio avviso concepibile: creare dei meccanismi legali che impongano a tutti i governi quel che la magistratura impone ai famigliari dei rapiti. Non ho idea di come si possa ridurre la liberta' di manovra finanziaria e negoziale, ad esempio del ministero degli esteri, si potrebbe tuttavia cominciare a pensare ad un organismo parlamentare che si occupa di situazioni di crisi e che rende trasparente una assai oscura tradizione di gran vizir e di "tramiti" che passano soldi, promesse, scambi di ostaggi, etc. fra le parti in causa.

In condizioni ideali, sembra indubbio sia meglio non trattare. Le condizioni appunto non sono ideali.