Titolo

Le borse e le banche centrali

4 commenti (espandi tutti)

Scrivo una cagata pazzesca se mi sembra che il drenaggio di liquidità serva più che altro a fare una piccola amnistia per quelle banche che hanno sbagliato a valutare il rischio di CDOS e affini (e che ora devono svalutare un po' gli impieghi), e indirettamente a scongiurare che qualche banca sia "scalata"?

Se alla parola "drenaggio" sostituisci "immissione" (che credo fosse quella che avevi in mente prima che le dita facessero da sole ...) l'interpretazione che offri e' piu' o meno quella che molti di noi vedono come appropriata.

C'e' poi un puro effetto "propaganda", sia pro-FBR che pre-elettorale. Il pubblico medio USA segue i tassi ed e' completamente ed erroneamente convinto non solo della verita' delle favole creazioniste ma anche dal fatto che quando i tassi scendono l'economia sale e tutti stanno bene. Quindi crea un temporaneo entusiasmo oltre che la sensazione che la FRB ha fatto il proprio dovere. Le elezioni sono fra 13 mesi, se avvengono nel mezzo o subito dopo una recessione il candidato democratico, chiunque sia, vince con il 65% dei voti.

 

l'immissione di liquidità serva più che altro a fare una piccola amnistia per quelle banche che hanno sbagliato

Visione un po cinica ma non per questo sbagliata (anzi, su queste cose i cinici spesso ci azzeccano meglio degli ingenui).

Tuttavia faccio notare che oggi 20 Settembre l'Index of Leading Economic Indicators e' sceso del -0.6%.  E' il segno che non si tratta solo di un problema di banche, hedge funds, etc. ma che vi sono segnali di rallentamento dell'economia.   I mercati non stanno facendo capricci, stanno facendo il loro lavoro di anticipazione dell'andamento macroeconomico.  Anche Bernanke fa la sua previsione (che naturalmante si puo rivelare sbagliata) ...

leggo solo ora che i segnali di rallentamento dell'economia, nel frattempo, sembrerebbero essersi perlomeno attenuati. I motivi del taglio si circoscrivono...