Titolo

Berlusconi e i lavavetri

1 commento (espandi tutti)

"se questa fetta di ottima società italiana uscisse dalla pavida sottomissione e dal culturalmente provinciale torpore politico in cui vive sin dagli anni 20 del secolo scorso (forse anche da prima, ma tralasciamo i dettagli storici) scegliendo di riprendersi lo spazio politico ceduto sin d'allora a parrocchie e vescovi, sindacati e leghe, azzeccagarbugli borbonici e mafie insulari, partiti-stato e partiti-azienda - allora la speranza che in Italia si possano finalmente attuare delle politiche effettivamente e coerentemente di "destra" avrebbe qualche ragione d'essere coltivata".

Michele, essendo tu persona colta dovresti ben sapere che questo tipo di destra è esistita, si chiama comunemente Destra Storica, e secondo i libri del liceo non ha visto manco la luce del XX secolo visto che è stata sepolta nel 1876. In seguito la "destra" italiana è stata il fascismo, movimento socialista se mai ce n'è stato uno, con i suoi eredi missini/monarchici nel dopoguerra. La destra che dici tu in Italia è quella che mette assieme una parte di radicali e di forza italia. Messi tutti assieme, non so se arrivano al 10%. E allora se permetti io mi tengo Silvio 365 giorni all'anno, possibilmente al 51% con la sola Forza Italia, che quanto meno a livello istintivo è uno che "meno stato più impresa". Di là trovo gente talmente in malafede da produrre articoli che "il mercato è di sinistra" (come i bambini di Bisio), rivolti ad un auditorio che fino a 30 anni fa credeva che il socialismo rele fosse la soluzione per il logorio della vita moderna - meglio del Cynar. In un futuro molto lontano potrei anche votare a sinistra, ma non QUESTA sinistra i cui uomini di punta sono gente cresciuta nel mito socialismo e nell'odio per il mercato, salvo poi compiere un'inversione a U (di facciata) per evitare di essere sepolti dalla storia.

Tra l'altro nell'articolo secondo me parti da un'ipotesi forte: perché questi "fasciocomunisti" non votano Berlusconi? Perché repubblica dice che è sporco e cattivo? Perché se vince Berlusconi poi arriva il reggggime fassssista? Bel pirla, unico caso di regime che perdere tutte le elezioni da quando è salito al potere. La verità è che io preferisco mille volte i conflitti di interesse di Berlusconi, su cui mi arriva una mail al giorno e si cui si parla persino su topolino, all'asse Prodi-Bazoli-Montezemolo, spacciati come il trittico che lavora per la salvezza dell'Italia.

Quanto alla Brambilla, l'ho sentita parlare un paio di volte, e meglio la Brambilla che quella schiera di sfigati che Silvio ha messo nei posti chiave di Forza Italia. Ci ho fatto pure un post sui luogotenenti ingrugnati che si sono scordati che senza Berlusconi dietro sono il nulla. Poi non sarò io a dire che Silvio ha fatto una marea di cazzate, ma visto il panorama della destra italiana attuale è indubbiamente il meno peggio.