Titolo

La Psiche nazionale

2 commenti (espandi tutti)

Mah, guarda. I giornalisti italiani, nella maggior parte dei casi, semplicemente copiano quello che scrivono i giornali/le agenzie da cui la notizia e' presa. parola per parola. senza nemmeno pensare.

l'altro giorno su repubblica (non mi ricordo il link) raccontava di un esperimento sulla propensione al rischio. E la parola "unfair", riferita a una lotteria, veniva tradotta come "disonesta....".

Quindi propenderei per una spiegazione piu' terra terra e per l'assenza di differenze culturali tra paesi, su questo punto almeno....

Capisco i commenti. Certo, i giornalisti spesso copiano le notizie riportate altrove, come abbiamo gia' fatto notare anche su nFA. Rimango non del tutto convinto. Un conto e' la stampa scandalistica che riporta tutti i pettegolezzi sulle celebrita' (vedi Gente, Novella 2000, eccetera), un conto e' una notizia riportata su un quotidiano sportivo, riguardante un calciatore coinvolto in un incidente d'auto. Ripeto, che c'entra il patrimonio del calciatore?

Io leggo assiduamente Autosport.com, essendo tifoso sfegatato della Ferrari (stendiamo un velo pietoso sulla recentissima figuraccia in Giappone: ma non possono usare gmail, in Ferrari?? Son sicuro che gli email arriverebbero puntuali...!). Ebbene, quando mori' Colin McRae con figlioletto e amico del figlioletto qualche settimana fa, in un tragico incidente di elicottero, nessun articolo di Autosport.com fece menzione del patrimonio di McRae, di quanto valesse l'elicottero, e cosi' via. 

Per quanto riguarda l'abitudine tutta americana di dirti quanto uno guadagni cinque minuti dopo averti conosciuto, anch'essa mette in risalto le differenze culturali fra Stati Uniti e Italia. Negli USA fare soldi non e' peccato, e nessuno se ne vergogna. In Italia parlare di soldi e' considerato di cattivo gusto, e' una cosa "sporca" di cui per educazione non si deve parlare (manco si trattasse delle proprie abitudini defecatorie). Dire quanto si guadagna e' tabu', non sia mai che per invidia il vicino ti butti addosso il malocchio.