Titolo

Culto della personalita': il caso di VW e del Corriere

7 commenti (espandi tutti)

Beh il fatto stesso che la stampa moderata gli dia ragione e che Fini sia stato costretto a fare la sceneggiata alla Clint Eastwood mi sembra che corrobori Romano. Voi mi sembra che sosteniate che Corriere e il resto della stampa moderata gli dia ragione perche' prezzolata piu' che per la sua abilita' tattico strategica.  Nel migliore dei casi la vostra mi sembra dietrologia poco verificabile e quindi poco scientifica. Alla luce dei fatti propendo per il machiavellismo (Machiavelli con una "c",come ci insegnano alle medie).

Grazie per il typo.

Sui fatti non hai risposto: li ho numerati, basta che per ogni numero tu mi offra l'evidenza corroborante. In particolare,  l'affermazione

il fatto stesso che la stampa moderata gli dia ragione e che Fini sia
stato costretto a fare la sceneggiata alla Clint Eastwood mi sembra che
corrobori Romano

su quale evidenza si basa (a parte quella auto-referenziale, ossia che Romano dice cosi' ed il Corriere dice cosi', quindi e' cosi')?

  

Ma ti potrei allegare molti degli articoli della Stampa, ad es., piu' o meno sullo stesso tono, che secondo me confermano i punti di Romano. Il punto e' che se Romano sostiene che Veltroni e bravo perche' sa parlare ai media e tu sostieni che sono i media ad essere prezzolati, le due opinioni non sono conciliabili. Semplicemente l'una e' dietrologica, l'altra corroborata dall'evidenza. TI ripeto Stampa e Giorno ad es.sono entrambi molto agiografici da mesi su Veltroni.


Il mio punto era un po' piu' sottile: da ambasciatore Romano non prende partito, semplicemente commenta la strategia politica di veltroni usando le categorie della scienza politica. "Veltroni fa/dice cosi' per ottenere il suo scopo politico e evidentemente ci riesce,quindi bravo Veltroni". Sul fatto che ci riesca, mi sembra siate d'accordo, non mi piace che si tacci di voltafaccia Romano sulla base di un suo commento politico, evidentemente non di valore, ne' etico (sul punto ognuno si fa la sua opinione). In tal senso Romano e' scientifico, analizza la politica con le categorie della politica.


Se introduciamo l'etica,ci diamo dei voltagabbana etc., ci mettiamo sul piano dei No Global 

Comincio a notare dei patterns sia comportamentali che verbali nel nostro "juventinopervicace", un pattern che mi risulta familiare. Credo in linguistica parlino di "idioletti" ...

Eccoli qua' i patterns. Mai sostenere le proprie perentorie affermazioni con fatti ed argomenti logici, ma semplicemente ripentendole, possibilmente vieppiu' caricate ad ogni giro di commenti. Nel processo di conferma auto-referenziale che tale approccio implica, il nervosismo tende ad afferrare rapidamente il soggetto in questione che, chiaramente, vive controllando nFA, attento ad ogni commento per poterci replicare un secondo dopo. Ed il nervosismo fa dare zappate sui propri piedi, come tutti sanno. Esempio: se fosse stata la grande abilita' e saggezza politica del VW a convincere (teoria pervicace e juventina per il momento, evidenza non ne abbiamo) l'opinione pubblica moderata che del nuovo leader nazionale si tratta, allora i commenti agiografici non avrebbero dovuto comparire "da mesi" come invece il nostro ci dice. Perche', se compaiono "da mesi", allora nulla hanno a che fare con i suoi atti e le sue dichiarazioni in qualita' di segretario del PD, cosa che e' da poco tempo, e dovrebbero avere a che fare invece con il suo ruolo di sindaco di Roma. Che sia cosi'? Attendo conferma, via evidenza controllabile. Ossia attendo una massa di articoli del Giorno (esiste ancora?), della Stampa, o anche del Messaggero che documentino i grandi successi di VW, sindaco di Roma.

Altri "idioletti" chiaramente visibili sono i seguenti. Affermazioni d'onnipotenza conoscitiva, del tipo "potrei allegare", alle quali fa seguito l'impotenza operativa, ossia il nostro non allega mai nulla. Utilizzo in liberta' di parole "scientifiche", del tipo "categorie", senza mai sostanziarle o definirle. Potresti, gentile juventinopervicave, spiegare quali fossero le "categorie della scienza politica" utilizzate dall'ineffabile Romano? Io amo imparare, e la scienza politica non mi e' del tutto familiare quanto quella morale. Temo non succedera', ma spero. Auto-proclamazione di "sottigliezza intellettuale" la quale consiste, apparentemente, nella reiterazione della frase precedente. Troppo occupato, il nostro, per elaborare il concetto e farci apprezzare la sottigliezza. Infatti, tra l'essere molto occupato ed il crescente nervosismo comincia pure a saltare gli spazi fra una parola e l'altra, le frasi gli diventano sintatticamente improbabili, spunta quella parola magica ("sfigati") ... insomma, i sintomi ci son tutti. C'e' persino il ritorno del disprezzo per i cosidetti economisti e la proclamazione urbi et orbi delle proprie smisurate ricchezze accumulate a mezzo di atti di alta sofisticazione bancaria. Proprio tutti ci sono, gli idioletti ... E, siccome non siamo scienziati, non ci resta altro da fare che affidarci alla sintomatologia, scienza imprecisa per definizione, come la morale.

Non comprendo molto i tuoi commenti aldila' dei patterns con cui sembri giudicarmi, associarmi a qualche tuo fantasma, patterns quelli, si', gli stessi con cui mi sembra giudichi VW (dietrologia, supposizioni, si dice..etc.). Una curiosita' poi: in quale passo affermerei di aver accumulato ricchezze? Lo dico di un mio professore, Taleb, e la cosa e' risaputa. Non certo di me (ahime'). Sul punto riguardante VW non ho corroborato con evidenza perche' le nostre posizioni mi parevano inconciliabili: a me sembra chiaro leggendo la stampa, per cosi' dire, "di centro" che ci sia un generale atteggiamento pro-Veltroni, io (e Romano) lo attribuisco alle sue qualita' di uomo politico (politico nello stesso senso delle categorie di cui sopra, cioe' della scienza di ottenere consenso), tu lo attribuisci a un presunto complotto. E puoi avere anche ragione per carita', solo che e' indimostrabile, per cui mi chiedo se valga la pena sostenerlo. Tutto qui.


Per quanto riguarda cio' che dico nel post a Michelangeli, sono piu' che disposto a corroborare, invece, visto anche l'interesse che la questione mi suscita.

Comunque, ecco una breve rassegna da La Stampa con alcuni articoli su Veltroni da quando si e' candidato al PD. Non ho trovato un articolo che non sia agiografico. E stiamo parlando del quotidiano moderato per eccellenza. Ora, pero', aspetto le prove del complotto, :-)!


http://www.lastampa.it/search/risultatoLive.asp?query=Cerca&q=veltroni&form=MOCI06&q1=site%3Awww.lastampa.it

Che ne dici del PRIMO articolo nella tua molto attentamente compilata (via search of "Veltroni") lista?

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/politica/200708articoli/2518...

Sei occupato? Lascia stare allora, pervicace juventino. Tanto ... il treno fra un po' arriva.

Ah, scordavo: dove si parla di complotto? Meglio, dove ho parlato io di complotto? Tu leggi anche, o scrivi solo, e di fretta?