Titolo

La morale del caso Mastella ...

5 commenti (espandi tutti)

Concordo sulla exit way.  Certo oggi non vediamo più solo Mastella, ma anche Berlusconi etc. Allora la questione è diversa. C'è del marcio tra l'imparzialità dei giudici?

Questa è fantascienza.
In 24 ore abbiamo avuto un golpe giudiziario, in stile Tangentopoli. Un attacco politico, diretto, esplicito, forse motivato nei contenuti, ma del tutto delegittimato nella sostanza e negli aspetti politici.

Mastella e il suo partito presi in ostaggio su una questione che ogni giorno tutti i cittadini possono constatare con i propri occhi viene fatta in ogni dove, ma soprattutto a partire dai governi locali di sinistra.
Il presidente del Molise Iorio (F.I) indagato anche lui per "concussione".
Intanto Bassolino circola a piede libero.
Cuffaro ha ricevuto una condanna a cinque anni per "aver favorito la mafia". Nel leggere gli atti processuali sembra che sia una barzelletta, come ai tempi di Andreotti.
Intanto Contrada langue in galera. Intanto le coop siciliane lavorano a pieno regime. Se le istituzioni sono corrotte dalla mafia, come mai sono le Coop rosse a prendere la gran parte degi appalti pubblici siciliani?
Bassolino circola a piede libero. Il mio sindaco dovrebbe già essere in galera, con questi metri.

L'ultimo a subire la craxizzazione rosso-ermellinesca è Berlusconi, per mano dei soliti giudici di Napoli. Di Napoli! Di Napoli!... (Dico "Napoli" in riferimento alla spazzatura, mica per disprezzo nei confronti dei poveri napoletani).
Oggi quei giudici, che per anni non hanno visto le malefatte della corte rossa di Bassolino (per il quale non è mai stato predisposto nemmeno un'ora di carcerazione domiciliare come per la moglie di Mastella), hanno chiesto il rinvio a giudizio per Berlusconi e Saccà: la telefonata riguardava 5 attrici minori (segnalate o raccomandate da SB). Nella Rai rossocrociata! Orbi! Non vedono i giornalisti delle sedi regionali, non comprendono che sono tutti legati a una carrozza politica? Non vedono dove strizzano l'occhio le televisioni, i cantanti, le attricette? Possibile che le colpe stiano solo dalla parte minoritaria del circo dello Spettacolo?

Intanto Prodi circola a piede libero. Non lo dico per ansia forcaiola, anzi. Ma se si usiamo certi metri (a Napoli! a Palermo!), allora quanti italiani dovrebbero finire in galera?
Di più, negli scorsi giorni il Presidente del Consiglio è stato di nuovo accusato di essere "colluso" con una Potenza nemica. (LINK http://lapulcedivoltaire.blogosfere.it/2008/01/kgbputinprodi-nuove-accuse.html )
E' da un anno che se ne parla, persino al Parlamento europeo.
Un presunto "traditore della Patria" siede sul trono... e tutti stanno zitti. L'accusa sarà pure risibile (ognuno giudicherà), ma non più di altre, ma qui si tratta di persona e accusa non da poco... certo più rilevante del Mastella che s'incazza con bassolino perché quest'ultimo manda un dirigente sanitario nella "sua" Benevento...
Si dovrebbero aprire le catarratte della stampa e dei Catoni accattoni (non farò i nomi di Scalfari o Mieli) a questa notizia che pure viene silenziata e deviata da più di un anno. Chi ha dato questa notizia? Litvinenko, l'agente russo assassinato col polonio a Londra.
Il tramite con Litvinenko, Mario Scaramella, è finito in galera, accusato di cose davvero incredibili. Era stato anche lui contaminato dal polonio. Ha l'intestino lacerato ancora oggi. I giudici di Napoli (di Napoli!) lo hanno mandato in galera per un anno, e ancora oggi è ai domiciliari.
Prodi, Bassolino e migliaia di amministratori pubblici sono dei presunti innocenti. Lo sappiamo lo vediamo: sono padroni, feudatari, intoccabili.
Noi tutti, gli altri, siamo presunti colpevoli.

Questo è uno stato privo di democrazia e credibilità. Siamo allo sfacelo in una Tangentopoli continua e silenziosa (Paolo Mieli è sparito dalla scena, e si veda come sono parchissimi i commenti sul Corriere della Sera di oggi).

Siamo al grado zero. Non ci stracciamo le vesti: non vogliamo rovesciare la frittata. Il centrodestra (e tutti i possibili transfughi del centrosinistra) sono da condannare e carcerare?
Bene, anzi male, ma chiediamo a gran voce che la giustizia, per essere davvero tale, abbia il coraggio di fare come De Magistris e la Forleo: si indaghi a 360 gradi, senza avere paura di essere "colpiti" (la Forleo contesta l'inchiesta fatta sulla morte dei suoi genitori in un "incidente d'auto").

I cittadini sanno e desiderano sostenere con ogni mezzo i giudici imparziali.
Ma i giudici parziali siano immediatamente rimossi: così continuando rischiano di essere i primi nemici della Giustizia.

? GT, tu che tutto sai e tutto puoi, potresti controllare se per caso un qualche hacker non abbia preso controllo del sito o almeno dell'id "Paolo di Lautreamont" e si diverta a costruire commenti facendo taglia-e-cuci a casaccio di frasi ed affermazioni prese da differenti siti web?

Forse non sono complettamente a casaccio i siti, sembrano tutti del giro berlusconi-craxi-guzzanti-complottisti-magristratisoncomunisti ... pero' quello che viene fuori sono parole in liberta' lo stesso, quindi sospetto sia un "biased hacker" che ha attaccato il conto di PdL ... insomma, dacci un'occhiata urgentemente. 

Scusi se le chiedo un chiarimento.

La sua è reale preoccupazione di intervento di hacker, o era (comprensibile;)) sarcasmo su alcune elucubrazioni del signor "Paolo di Lautraeamont"?

 

 

Mah, vediamo. Magari ce lo spiega PdL stesso la prossima volta che torna a visitarci.

Non so ancora ... sembra che il GT sia impegnato in un faculty meeting molto importante ... :-)