Titolo

Tasse, maledette tasse

3 commenti (espandi tutti)

Quanto rimane corrisponde al reddito disponibile del settore pubblico che viene speso, fatte salve poste minori e complicate, in beni e servizi acquistati dal settore pubblico per svolgere la propria benefica funzione (le 180mila macchine blu, lo champagne della bouvette di Montecitorio, gli aerei che Mastella e Rutelli usano per andare a vedere la F1 a Monza ...) ed in pagamenti di interessi sul debito pubblico

Giusto per capire.

Tralasciando l'aspetto morale degli sprechi in auto blu et similia, a naso direi che questi sprechi rappresentano però un porzione minima rispetto agli interessi sul debito pubblico.

Sarebbe interessante sapere quanto del reddito disponibilie del settore pubblico se ne va in pagamento interessi e quanti di questi interessi vengono pagati in Italia e quanti a detentori esteri.

La quota di interessi pagata in Italia, non viene forse reimmessa nel circolo economico come reddito disponibile per i detentori dei BOT stessi, risolvendosi in una sorta di partita di giro reddituale ?

Gli interessi sul debito pubblico pagatati all'estero ammontano circa al 1,6% del PIL nel 2006 (erano lo 0,74 nel 1990). Su per giù sono perciò il 35% del totale degli interessi pagati sul debito pubblico (4.5% nel 2006.), contro un 8% del totale nel 1990. Anche la quota di interessi di pertinenza delle famiglie è perciò calata nel tempo.

Il conto della serva sulla spesa per gli interessi e' presto fatto: 106% (debito/pil) x 4.5% (tasso d'interesse medio - sovrastimato), fa circa 4.75%. Quanto alla partita di giro, mi sa che va diminuendo di anno in anno almeno dall'Euro in poi, visto che gli ultimi dati che ricordo parlano di un 60% del debito pubblico italiano in mano ad investitori esteri.