Titolo

Tasse, maledette tasse

2 commenti (espandi tutti)

L'articolo è interessante ma le conclusioni sono un po affrettate riguardo al ruolo e al peso della tassazione. Scomponendo il reddito disponibile delle famiglie nei diversi contributi attivi e passivi è possibile dimostrare che la flessione del reddito disponibile è dovuta, oltre che all'aumento della tassazione, principalmente alla riduzione del contributo del "net property income", vale a dire degli introiti da interessi, dividendi etc. La tavola sotto mostra come il contributo di questa voce al totale del reddito disponibile delle famiglie (non deflazionato) sia calato di 6.6p.p. nel periodo 1990-2006. Il contributo negativo delle imposte, invece, è aumentato di 2.9 punti percentuali.

Decomposition of Net Disposable income - Households and NPISH - Italy (in %)
      Assets Liabilities
    Net disposable income - Households and NPISH (mld euro) operating surplus compensation of employees net property income current transfers received current transfers paid current taxes on income and wealth
         
1990   539.4 29.3 61.4 28.6 25.8 25.1 14.8
1991   587.1 29.1 61.8 29.2 26.1 25.8 14.9
1992   621.1 29.0 61.5 29.3 27.4 25.8 15.8
1993   626.6 28.7 62.4 29.9 28.6 26.9 17.0
1994   654.3 29.7 61.1 28.2 29.0 26.4 15.7
1995   696.2 30.5 59.8 29.1 28.7 26.3 15.9
1996   743.1 30.8 59.5 29.5 28.6 26.6 16.1
1997   753.9 31.4 61.5 27.7 30.3 27.9 17.1
1998   764.9 31.4 60.4 26.4 30.9 25.2 17.8
1999   793.3 33.3 60.2 25.8 31.9 26.5 18.2
2000   823.2 33.9 60.5 25.6 31.5 26.5 18.3
2001   869.6 33.4 60.5 25.6 31.0 26.3 17.6
2002   905.6 33.5 60.7 24.3 31.6 26.3 17.0
2003   932.1 34.1 61.3 22.5 32.6 26.9 16.8
2004   964.1 34.7 61.6 22.0 32.7 27.3 16.7
2005   988.8 34.1 62.9 21.8 32.8 27.6 16.8
2006   1017.8 34.1 64.0 21.9 33.3 28.3 17.7
average  31.8 61.3 26.3 30.2 26.6 16.7
difference 1990-2006 4.7 2.6 -6.6 7.4 3.1 2.9
source: eurostat              

 

La riduzione del net property income è ancora più evidente nel grafico successivo. Questo grafico (i dati sono ancora fonte eurostat) che cerca di replicare il vostro mette a confronto il reddito disponibile nazionale e quello delle famiglie con l'andamento del net property income e delle current taxes on income and wealth. I dati sono deflazionati tramite il deflatore della spesa finale per consumi privati. Come nel vostro grafico il 1993 è posto pari a 100.

  

Il grafico mostra una una vera e propria frenata degli introiti dovuti a interessi (sul debito pubblico) e dividendi.

Del resto tale andamento rispecchia pienamente la riduzione del debito pubblico e della spesa per interessi che si è avuta a partire dal 1993. A titolo informativo la spesa per interessi media in rapporto al PIL nel perido 1992-1996 è stata dell 11.3%. è poi scesa ad un valore medio del 7.3% nel periodo 1997-2001 e successivamente al 4.9% nel periodo 2002-2006 (si veda a tale proposito l'appendice statistica delle previsioni di autunno 2007 della Commissione Europea).

Saluti,

Marco

Sbagliato, tutto.

Solo due hints, perché non ho molto tempo e comunque fra mezz'ora mettiamo un articolo che spiega in dettaglio perché hai torto da vendere. L'articolo di A&T si concentra sul fatto che, nel TOTALE del reddito nazionale la quota che va alle famiglie è diminuita di dieci punti, mentre di dieci punti è aumentata quella del settore pubblico.

Ora SE quanto l'articolo sostiene fosse incorretto, ossia se non fosse vero che lo stato italiano ha continuato non solo a tassare molto ma anche ad aumentare la tassazione e la spesa (in percentuale del reddito) nell'intervallo 1990-2006, e SE il tuo argomento fosse corretto, la seguente cosa sarebbe dovuta succedere. Alla diminuzione della spesa dello stato per interessi si sarebbe dovuta accompagnare una parallela diminuzione, euro per euro, della tassazione. Questo avrebbe lasciato (ceteris paribus) il bilancio dello stato invariato ed il reddito disponibile alle famiglie pure, sempre in rapporto al totale. La diminuzione della quota che va alle famiglie, evidenziata nel secondo grafico di A&T, NON ci sarebbe stata. Sic et simpliciter. Per parafrasare uno che ha fatto da advisor al 33% del blog: ci arriverebbe anche Rocco ...

INOLTRE, se guardi i TUOI stessi dati, che ovviamente gli autori conoscevano come l'articolo in arrivo fra mezz'ora mostra, noterai che la diminuzione della spesa per interessi comincia nel 1997! Mentre il grosso della crescita nell'(op)pressione fiscale avviene prima di allora, e poi nel 2006 (e nel 2007, come scopriremo fra qualche mese)!

Tutto questo è BANALE e non serve avere un PhD per capirlo. M'impressiona vedere come la cieca ideologia confonda la mente e faccia
dimenticare le nozioni più elementari di contabilità nazionale. Ora che ci penso, fa dimenticare anche la decenza ma a quel commento risponderò a parte.