Titolo

Il voto utile (2): tutto il voto utile, regione per regione.

1 commento (espandi tutti)

C'e' un altro metodo, che ha due versioni, una astratta ed una empirica.

Un metodo astratto e' suggerire a tutti gli elettori di prendere un dado opportuno (se supponiamo di voler spostare il 2,5% dei propri voti si possono usare carte da briscola ecc.) ed invitare ogni singolo elettore ad un sorteggio. Se viene una certa cosa (ad es. l'asso di denari nell'estrazione dalle carte da briscola) si da' il voto utile altrimenti no. Cosi' si sposta circa il 2,5%.

Questa teoria ha una versione empirica. Ogni frase della campagna elettorale ha una certa influenza percentuale sui voti che i partiti sanno piu' o meno stimare. Quindi se ad esempio il PDL non attacca tutti i giorni l'UDC ma solo ogni 3 giorni puo' indirizzarvi mettiano l'1% del proprio elettorato ecc. cercando cosi' di realizzare empiricamente lo schema teorica detto sopra.

 

Oppure, come dice Brusco, si fa circolare il suggerimento solo con certi canali che si puo' presumere raggiungano una certa percentuale prefissata del proprio elettorato.