Titolo

Lettera aperta al PD (I)

5 commenti (espandi tutti)

Caro Giorgio,

potrebbe essere anche una lettera aperta al PdL, visto che tra l'altro hanno vinto le elezioni, o da loro proprio non ci speri? 

Punto 1 . Sulla riduzione delle tasse vorrei ricordare come, con l'ultima finanziaria di TPS e VV (competenza 1.1.2008),  l'IRES (ex IRPEG per chi manca da un pò dall'Italia) è stata ridotta dal 33% al 27,5% e l'IRAP (imposta che sostituiva il contributo al Servizio Sanitario Nazionale pari all'8,60% delle retribuzioni e l'ILOR, pari al 16,2% del reddito imponibile al netto dell'IRPEG) ridotta dal 4,25% al 3,90%.

La base imponibile dell'IRAP è costituita dal reddito imponibile ai fini IRES + (e per molti è un importo molto elevato) il costo del lavoro e gli oneri finanziari.  La sua introduzione doveva favorire (e le favorisce davvero) le società con intensità di lavoro (visto che aboliva appunto l'8,60% del contributo al SSN) e capitalizzate (tendenzialmente con meno oneri finanziari rispetto a quelle sottocapitalizzate). Un errore significativo è stato quello di collocarla, in bilancio, sulla riga delle imposte e non, come doveva a mio giudizio essere fatto, proporzionalmente tra la voce "costo del lavoro", la voce "oneri finanziari" e sul rigo delle imposte per la sola parte relativa all'utile lordo.  Tra l'altro distorce un parametro molto utilizzato dagli analisti per le valutazioni di azienda, ovvero l'EBITDA (margine lordo ante ammortamenti) tendendo a sovrastimarlo.

Ricordo ancora che non molti anni fa (diciamo 1996) l'aliquota IRPEG era il 36% e quella ILOR il 16,2%, con una incidenza netta del 46,36% che rischiava di aumentare ancor più per tutta una serie  di poste fiscalmente non deducibili - Iva auto, manutenzioni eccedenti il 5% dei cespiti, spese promozionali, ecc.). Sempre con l'ultima finanziaria i criteri civilistici per la redazione del bilancio (IAS) valgono anche come criteri fiscali e pertanto non vi saranno più "variazioni in aumento".

 Ancora sul Punto 1. Una delle voci più importanti della spesa pubblica (e che incide anche sul costo del lavoro) è l'onere pensionistico. Stabiliamo che la durata media delle pensioni sia di 2 anni (e non i 7 che abbiamo guadagnato come allungamento della vita media) rispetto a 25 anni fa. Licenziare i dipendenti publlici può andar bene, ma la vedo dura: mi basterebbe che venisse introdotta anche per il settore pubblico la cassa integrazione straordinaria e la mobilità.

 

Sempre con l'ultima finanziaria i criteri civilistici per la redazione
del bilancio (IAS) valgono anche come criteri fiscali e pertanto non vi
saranno più "variazioni in aumento".

 Allora devo cambiare fiscalista, io ho avuto 150.000 euro (in una piccola azienda) di oneri indeducibili, tra i costi telefonici ed internet deducibili all'80%, costi auto, spese di "rappresentanza" perché mi ostino ad offrire la cena se un cliente mi viene a trovare, e amenità simili qualche decina di migliaia di euro di tasse se ne va sempre. Variando il tax rate sull'utile netto che con l'effetto imponibile Irap vola spesso oltre il 50%.

Sulla riduzione delle tasse vorrei ricordare come, con l'ultima
finanziaria di TPS e VV (competenza 1.1.2008),  l'IRES (ex IRPEG per
chi manca da un pò dall'Italia) è stata ridotta dal 33% al 27,5% e
l'IRAP (imposta che sostituiva il contributo al Servizio Sanitario
Nazionale pari all'8,60% delle retribuzioni e l'ILOR, pari al 16,2% del
reddito imponibile al netto dell'IRPEG) ridotta dal 4,25% al 3,90%.

 Vero, ma non dimenticare che il tutto è stato fatto con la soliti tipica tecnica italiana del gettito invariato, praticamente abbasso le tasse ma le tasse che incasso sono le stesse.
Quindi allargando la base imponibile.
E al solito chi paga di più e chi meno?
Visto che uno dei principali differenziali è la deducibilità degli interessi parziale se superano una quota; guadagnano le grosse aziende che sono in grado di fare planning sull'indebitamento magari sfruttando holding e tesoreria globale e ci perdono i piccoli super indebitati.

Da un mio osservatorio personale su bilanci che vedo normalmente (molti) avevo visto un 30/40% di aziende che avrebbero avuto probabilmente un peggioramento del tax rate.

Senza contare le migliaia di aziende che a causa del meccanismo (e posizionamento nel bilancio come dicevi tu) IRAP hanno il bilancio in utile pre-tax e le tasse mangiano abbondantemente l'utile portandola in perdita.

Tax rate a quel punto oltre il 100% 

Non devi cambiare fiscalista. La finanziaria ha effetto dai redditi 2008.

Il posizionamento sul bilancio è comunque pura estetica, non cambia la sostanza. Serve solo, appunto, a non dire che il tax rate è del 100%, come certe volte compare nei confronti.

 Se l'allargamento della base imponibile è dovuto al rispetto dei  criteri civilistici e deg IAS, vuol dire che prima la base imponibile era inferiore al reddito effettivo.

Centinaia di società di leasing sono vissute ed hanno lucrato non tanto sulla possibilità di finanziare gli investimenti (questo dovrebbe essere il leasing!) ma sulla gabola fiscale di poter dedurre in 7 anni l'ammortamento di un fabbricato o in 2 anni l'ammortamento di una autovettura.

Caro Mario,

no, non ci spero molto nel Pdl. Credo che si faranno prendere da impulsi peronisti e faranno una gran confusione (hanno gia' cominciato con la storia di Alitalia, e mi aspetto disastri da Tremonti). Pero', sono sempre disponibile ad essere sorpreso in positivo. Se anche le facesse il Pdl, queste cose, a me andrebbe benissimo (Fra parentesi, devo dire che a giudicare dalle prime cose che ha detto Alemanno - a parte la storia della teca dell'Ara Pacis di cui non so nulla - l'uomo non mi sembra per niente male). 

no, non ci spero molto nel Pdl. Credo che si faranno prendere da
impulsi peronisti e faranno una gran confusione (hanno gia' cominciato
con la storia di Alitalia, e mi aspetto disastri da Tremonti). Pero',
sono sempre disponibile ad essere sorpreso in positivo.

Chissa', magari Tremonti raccontava balle per ragioni elettorali... Who knows, maybe the plans will change... Who knows, maybe he's not deranged...

(In quel caso, pero', l'ottimismo della volonta' di Norah si e' poi preso un schiaffone in faccia dal Bush reale...)