Titolo

Invidie

4 commenti (espandi tutti)

Giuro! Ma chi è? La sua presentazione wikipedica dice che fa "investigazioni" via Sismi. Cosa lo porterebbe dunque a fare sociologismo intellettualoide? Che è passato di grado e quindi si sente in dovere di sermonare il popolo? Si', lo terrò d'occhio; dopo aver letto delle sue doti "investigative" sembra ancora di più un interessante tipo di Rigoletto giornalistico ... Grazie per la dritta.

Di niente, Michele, figurati :)

Non ho il piacere di conoscerlo di persona - esprimo quindi un parere superficiale sotto questo punto di vista - ma mi sembra di capire che è uno di quelli che si ritiene "giornalista-unico-scopritore-di-verità-scomoda".
Insomma, la versione nostrana di Bob Woodward (Bonini sicuramente sarà Bernstein...).

Non credo faccia investigazioni via SISMi. Anzi...
Qualcuno invece sospetta che le faccia più che altro via Procure e Dipartimento di Pubblica Sicurezza ;)

A proposito di "guerra occulta tra bande mediante mass media", quando hai tempo, prova a leggere gli articoli che la coppia scrisse sulla vicenda Pollari-SISMi/Armi di distruzione di massa iraqene.
Un capolavoro di giravolte e salti mortali.... e fosse solo questo...

Giuro! Ma chi è? La sua presentazione
wikipedica dice che fa "investigazioni" via Sismi. Cosa lo porterebbe
dunque a fare sociologismo intellettualoide? Che è passato di grado e
quindi si sente in dovere di sermonare il popolo?

Magari fosse una questione di qualita' personali. A me pare che D'Avanzo, vicedirettore di Repubblica, stia giocando un ruolo speculare a quello dei vari Fede o Ferrara, ossia di manipolatore dell'informazione col compito di salvaguardare la credibilita' della casta. Inizialmente solo della sua parte di casta, ma ora di tutta: questo perche' la sua parte e' sempre piu' simmetrica, integrata e con coincidenza d'interessi e metodi con quell'altra il cui nome ha una "L" in piu' nel nome.

Quest'ultima, dal canto suo, si irrita perche' in Spagna i bavagli si usano meno (Gasparri: "L’amicizia con la Spagna ci porta a sperare che Zapatero sappia mettere a tacere i suoi ministri che ci offendono"). Questa volta devo dare completamente ragione a Dario Fo e, cosa meno inusuale, a Leonardo Facco: