Titolo

Ma c'è davvero un "effetto Brunetta"?

1 commento (espandi tutti)

Grazie per il commento, vb, cosi' posso chiarire ulteriormente.

Ho visto la vostra figura che dimostrerebbe che c’era un calo dell'assenteismo già prima di Brunetta, ma
mi sembra tutt’altro che valida

Ammetto che la figura nel testo e' fuorviante se uno legge l'articolo di fretta -- e giustamente uno guarda subito alla figura per avere una sintesi. Ho comunque avvertito nel testo che i due pezzi sono disomogenei e ho indicato chiaramente che i primi tre punti sono anni e gli altri mesi. In ogni caso hai ragione: non e' un capolavoro. La sostituiro' per non trarre in inganno.

Ok, ti concedo che questa figura non prova granche'. Guarda pero' la figura nel mio commento 07 Agosto 2008, 13:04. Qui i dati, pur scarsi, sono tutti mensili ed e' evidente che l'assenteismo fosse gia' in calo prima di Brunetta.

In calo molto piu' lento, certo. E qui c'e' il secondo problema che ho sottolineato nel mio commento
07 Agosto 2008, 23:57 e che anche tu sottolinei: i dati 2008 sono su un campione di amministrazioni che non costituiscono un campione casuale e che (adesso che guardo bene) non si sa neppure come sia stato selezionato. La mia opinione e' che la bias sia verso il basso, nel senso che difficilmente le amministrazioni meno efficienti (e quindi con piu' assenze) fanno parte di un progetto pilota che richiede comunicazione tempestiva di dati sulle assenze. Cioe' potrebbe esserci una forte componente di autoselezione: la seconda puntata del rapporto infatti ringrazia la

grande disponibilità dimostrata da tutte le Regioni e dagli EE.LL., a cui va dato il merito di aver risposto con prontezza, l’indagine di luglio ha coinvolto ben 70 amministrazioni che hanno recepito e fatto propria la linea di rinnovamento e trasparenza voluta dal Ministro.

Be' se ci fossero covi di assenteisti non sarebbero certo loro a fare propria la linea di rinnovamento di Brunetta...

Per questo neppure le due mini-serie mensili 2007 e 2008 nel commento 07 Agosto 2008, 13:04 sono del tutto confrontabili e non possono provare granche' ne' da una parte ne' dall'altra: ma non sono io a confrontarle, e' il ministero. E' su questo che dovrebbero essere piu' cauti, da cui la morale dell'articolo: i dati a disposizione non permettono di dimostrare nessun nesso causale.

Spero che pubblicheranno presto le serie sull'universo e non sul campione: allora ci vedremo piu' chiaramente.

Sulla stagionalita', puo' anche essere che da primavera in poi ci si ammali meno, ma questo vale per il 2007 e per il 2008. Anche per questo sarebbe stato utile vedere  tutta la serie mensile 2007, che loro evidentemente hanno se continuano a rilasciarla mese per mese.

In ogni caso, ora che dagli annunci si e' passati a misure concrete mi pare piu' utile continuare la discussione nella direzione suggerita da Michele.