Titolo

L’intervista di un genio

1 commento (espandi tutti)

la MITO che conta [...] non ha mai avuto nessuna appartenenza ideologica

Certamente il loro supporto preferenziale al PD non ha nulla di ideologico. La sola connotazione ideologica che hanno e' una predilezione per il laicismo di probabile derivazione massonica. Tuttavia nel presente e nel breve medio termine le forze politiche che dirotteranno risorse statali verso le grandi imprese assistite di Confindustria "per il bene del Paese" sono nell'ordine il PD, AN, l'UDC. Per il PD in particolare dirottare risorse nella grande industria e' questione di vita o di morte altrimenti dal Nord transpadano scompaiono, senza gli operai delle grandi imprese di Torino e di Marghera. L'asse e' tra statalisti e grande industria assistita. FI e Lega tendono a rappresentare, in particolare nel Nord transpadano, imprenditori e dipendenti della piccola-media impresa che non ha bisogno dello Stato anzi per la quale lo Stato (e le grandi imprese di Confindustira) sono solo un peso e un freno. Questo asse tra statalisti e grande impresa non e' ideologico ma basato su interessi di soldi e di potere, quindi in era post-ideologica ancora piu' saldo che se fosse ideologico. Il sistema risale ai famosi dazi sul grano e sui prodotti industriali del 1880, poi si e' stabilizzato col Fascismo ed ha prosperato con l'IRI, la Cassa del Mezzogiorno e via via fino alle rottamazioni dei governi Prodi.