Titolo

Il ministero del Turismo alla Farnesina

2 commenti (espandi tutti)

Panebianco è uno di quelli che più spesso dimostrano di non capire niente (volontariamente o meno non so) e che sono più spesso bersagliati per le scemenze che dicono.

L'Europa come è ora viene vista, tra l'altro, come un ostacolo dal governo italiano (vogliamo parlare della bocciatura alla Gasparri e alle altre multe miliardarie - in euro - su rifiuti e ambiente che dovremo pagare?), pertanto va demonizzata anch'essa, deve perdere tutta la credibilità possibile (che poi abbia salvato l'Italia dal baratro è una cosa facilmente obliabile). Già si muovono i primi passi: una legge elettorale europea ispirata al porcellum favorirebbe enormemente Forza Italia, perché, in caso di preferenze e visto che ora sono in un unico partito, AN avrebbe vantaggio nello sfruttare le forti radici sul territorio (radici che FI non ha a causa della sua vocazione fortemente verticistica). Ne ho parlato estesamente qui e un articolo di El Paìs fa notare quanto si stia espandendo l'aura di Berlusconi sull'Europa (e anche fuori: il partito di Putin ha appena formato una holding di media).

Tornando in topic, però, va detto che la Russia non ha mai perso l'allenamento alla guerra fredda, a differenza di USA e UE, che si sono specializzate su altri fronti. Insomma, mentre la Russia attacca con il linguaggio dei decenni addietro, il mondo occidentale non riesce a rispondere che timidamente.

 

Già si muovono i primi passi: una legge elettorale europea ispirata al
porcellum favorirebbe enormemente Forza Italia, perché, in caso di
preferenze e visto che ora sono in un unico partito, AN avrebbe
vantaggio nello sfruttare le forti radici sul territorio (radici che FI
non ha a causa della sua vocazione fortemente verticistica)

Pur essendo sostanzialmente corretto quanto scrivi (anche se va aggiunto che FI ha recuperato molti vecchi arnesi DC e PSI campioni delle preferenze e non e' interamente indifesa su quel fronte) e' eufemistico collegare le preferenze solo al radicamento territoriale, in realta' preferenze significano principalmente ex signori delle tessere abili nel gestire vaste clientele elettorali per mezzo di segreterie politiche che fungono da agenzia di collocamento permanente e privata su posti statali, con un impegno personale molto intenso sul territorio a livello di contatti personali, correlato ad elevato assenteismo nei lavori parlamentari. Per quanto mi riguarda, approvo ogni cambiamento che va nella direzione di diminuire o abolire il voto di preferenza, che in Italia conduce a prassi peggiori alle gia' pessime pratiche interne di partito che determinano i candidati.