Titolo

Spesa pubblica e tributi pagati nelle Regioni d'Italia

1 commento (espandi tutti)

infatti metterci una nota sulla distorsione statistica del Lazio, ossia Roma

Credo che la distorsione (sia pure in misura minore) vada considerata anche dal lato della spesa, dato che probabilmente molte spese risultano accentrate su Roma perchè qui ci sono i centri decisionali ad esse inerenti.

Prendiamo le spese per difesa, che incide per €. 2.414 milioni (€. 458 pro-capite ossia quasi record italiano) e sicurezza (€. 2.891 milioni - €. 549 pro capite)

Data l'assenza di basi nucleari sul Tevere o una pervasiva presenza della mafia da contrastare, è da presumere che tale dato abnorme sia dovuto alla presenza a Roma dello stato maggiore e degli uffici connessi (difesa - carabinieri e polizia) oltre che dalla necessità di garantire la sicurezza ad ambasciate, capi di stato in visita ecc. il tutto moltiplicato per due, considerando anche il Vaticano.

Una conferma indiretta è data dalle spese per la difesa in Puglia e Liguria, che ammontano a €. 355 e 323 pro capite (n. 3 e 4 nella classifica nazionale) evidentemente dovute alla presenza delle basi navali di Taranto e La Spezia, per non parlare dei 543 euro pro-capite del Friuli (record nazionale), noto baluardo difensivo dell'Italia all'epoca della guerra fredda e sede di numerose caserme e basi.

Quello che invece vorrei capire è cosa si intende con spesa per "assistenza", dato che in questa voce ci sono disparità incomprensibili, visto che si va dai cinque euro pro-capite della Puglia ai 149 della Lombardia o i 102 della Basilicata, che con la Puglia ci confina