Titolo

La violenza è sempre "spiacevole"

2 commenti (espandi tutti)

La (mancata) risposta del questore di napoli, delle forze di polizia, ecc. allo scempio allucinante compiuto da questa gente non e' per niente sorprendente, se si pensa a quello che succede quotidianamente in Italia, all'indulto di Mastella, ai passeggeri del treno che - quando il controllore trova un ragazzo senza biglietto - prendono le parti del ragazzo e chiedono al controllore di non dargli la multa, perche', insomma, povero ragazzo... (storia raccontatami da un illustre economista Cafoscarino).

Come detto qui sopra, manca il concetto di responsabilita' individuale, di accountability, di dover pagare per i propri errori. Nei servizi televisivi (come le interviste ai parenti dei rapitori citate qui sopra) si pone sempre l'accento sulle vite tragicamente spezzate di quelli che commettono i reati, sulle cause economiche e sociali di tale violenza, ecc.

Sentimenti nobilissimi, ma che finiscono per impedire la normale applicazione delle leggi dello stato. E c'e' un ulteriore corollario, che finora non ho visto menzionato nei commenti: se si volessero applicare per davvero le leggi, occorrerebbe essere preparati ad aprire nuove prigioni, e a sopportarne il costo (sia in conto capitale che di spesa corrente). 

Ma in Italia parlare di nuove prigioni e' tabu'. Quest'estate ne parlavo con persone molto intelligenti e perspicaci, che pero' consideravano l'idea di costruire nuove carceri e di aumentare la popolazione carceraria tramite l'applicazione puntuale delle leggi come una sconfitta civile.

Ma e' molto piu "figo" mettere l'esercito in strada (cosa che perfino negli USA dei cowboys e del grilletto facile viene vista come azione gravissima, da intraprendere solo in situazioni estreme), che non semplicemente e metodicamente applicare le leggi esistenti, mettere in galera le persone giudicate colpevoli del reato XY, e non lasciarle uscire solo perche' "le prigioni scoppiano e bisogna saper perdonare".

 

Ciao Giorgio.

Una domanda. Parli del carcere...si dice sempre che la popolazione carceraria Usa è altissima in termini assoluti e anche in proporzione alla popolazione...siccome questa cosa è sempre usata per sostrenere che il liberalismo americano si accompagna a livelli di repressione sociale che in Europa non abbiamo, essendo by definition più civili dei cowboys, ecco vorrei sapere se tu o qualcun altro potesse fare una di quelle belle tabelle che comparino europa e usa per capire come stanno le cose.