Titolo

Guida al panico del 2008 (I): la letteratura accademica.

1 commento (espandi tutti)

No, come dicevo quella letteratura non mi aiuta affatto a capire cosa succede. Ma questo e' mia valutazione soggettiva. Piuttosto allora,   collega per collega, preferisco di gran lunga le cose di Douglas Gale e Franklin Allen. 

Su BB: meglio di altri (certo meglio di Greenspan, direi) perche' a queste cose ha pensato; pero' e' possibile (probabile) che non riesca a pensare out of the box dei suoi modelli sulla grande depressione - e questo e' male; molto male; anche perche' sulla qualita' dei modelli si puo' discutere a lungo.