Titolo

Una chiappa ciascuno

11 commenti (espandi tutti)

Livni: «Hamas non vuole la pace».

Yup, which is why we should kill them all, right Tzipi? It just makes a lot of sense... Where did I hear that first? It was a while back I believe ...

Si, vabbe', pero' e' vero che Hamas non vuole la pace e che stava tirando razzi su Israele.

Questa non e' una guerra in cui una parte ha ragione e l'altra parte ha torto.

Re(1): Deliziosa Livni

JP 30/12/2008 - 13:49

Questa non e' una guerra in cui una parte ha ragione e l'altra parte ha torto.

Prova a raccontarlo a un amerikano doc che non si possono fare distinzioni tra aggressori e aggediti.

E infatti le distinzioni vanno fatte, e' solo che comunque si facciano ci sono torti (diversi) da entrambe le parti.

Non e' nemmeno possibile quantificare chi ha piu' torto: dipende pure da che orizzonte temporale si adotta (se andiamo abbastanza indietro, magari e' tutta colpa dell'impero romano oppure dobbiamo cacciare sia ebrei che arabi da quel pezzo di terra e ridarlo ai discendenti di chi ci stava ancor prima) e da quale frazione all'interno delle due parti si considera (e certo Hamas non e' un gruppo di simpaticoni).

P.S.

Certo che quelli del WSJ sono fuori di testa: "we should note the violence comes at the end of a four-year Bush effort to midwife a Palestinian peace" ?!? In quale universo parallelo?

Re(3): Deliziosa Livni

JP 30/12/2008 - 15:23

Dispiace davvero leggere certe affermazioni così vuote e mi domando se siano motivate da una seppur minima consapevolezza di ciò che sta accadendo. Mi auguro che tu possa non trovarti mai nella condizione di mettere alla prova la tua sospensione del giudizio: se l'applicassi con coerenza saresti nei guai, credimi. Di fronte a centinaia di missili che da anni piovono sulla casa tua, su quella dei tuoi amici e dei tuoi parenti, oppure di fronte a un'aggressione verso la tua persona vorrei davvero capire se invece di difendere la tua incolumità  chiameresti in causa lo psicologo, lo storico, il sociologo, l'archeologo o, peggio, l'economista per giustificare il tuo aggressore... diversamente, dovremmo concludere che la discussione che stiamo facendo qui è soltanto uno sterile esercizio di retorica salottiera, non trovi?

Direi che la faccia da culo l'hanno entrambi, la Livni non solo usa le azioni di Hamas come pretesto per operazioni militari in grande stile del tutto sproporzionate all' offesa ma propone anche di deportare i suoi connazionali arabi.

Hamas specularmente fa del suo meglio per stimolare la reazione di cui sopra fregandosene altamente di chi ci lascia la pelle, e se fa meno danni coi suoi razzi è solo per incapacità militare.

Personalmente a far classifiche ci rinuncio.

Mi pare che non ci capiamo. Il senso del mio primo commento in questo thread era proprio che i recenti bombardamenti israeliani erano una risposta ai razzi lanciati da Hamas, quindi Livni non aveva tutti i torti.

Pero' continua a sembrarmi doveroso aggiungere che Israele non e' affatto esente da torti nei confronti della popolazione araba di quei territori. Non e' che si e' partiti da una situazione di pace e tranquillita' e quelli di Hamas si sono svegliati una mattina e hanno deciso di lanciare missili sul vicinato.  

E' una guerra in corso da piu' di sessanta anni per il controllo di un pezzo di terra di cui entrambe le parti si considerano i legittimi proprietari.

L'unica maniera ragionevole di finirla sarebbe quella di accordarsi su una divisione di quelle terre con confini ben definiti, ma non credo che ci si arrivera' tanto presto (soprattutto, ma non solo, per colpa di Hamas & Co.) e che se ci si arrivasse, durerebbe poco (per colpa di Hamas & Co.)

Sperando sinceramente di sbagliarmi, auguri di buon 2009 a tutti.

Chi legge e osserva il conflitto nell’area dovrebbe essersi da tempo reso conto che non vi è stata finora alcuna proporzione tra azione e reazione (uno dei principi del diritto internazionale, ma anche delle leggi di polizia di qualsiasi paese). L’ufficio ONU per gli affari umanitari tiene il conto dei morti e dei feriti nei territori occupati palestinesi e in Israele legati al conflitto http://www.ochaopt.org/documents/POC_Monthly_Tables_October_2008.pdf .

 In ogni caso ecco i dati:

Nei primi dieci mesi del 2008 per motivi legati al conflitto tra i children (età 0-17) ci sono stati 105 morti  palestinesi e 556 feriti. Tra il 2005 e il 2008 il conto totale fa 413 children morti. In totale 1709 morti tra adulti e bambini.

In Israele, nei primi 10 mesi di quest’anno sono morti tra adulti e bambini israeliani, 9 civili e 7 militari. Da gennaio 2005 a ottobre 2008, sono morti 38 civili, di cui 12 children, e 16 militari.

 

Chiedo scusa... ma solo a me la visualizzazione dei "commenti" si interrompe con quello di Francesco Lovecchio delle 11.01 ?

Chiedo scusa... ma solo a me la visualizzazione dei "commenti" si interrompe con quello di Francesco Lovecchio delle 11.01 ?

Con MSIE7 si', ma con Firefox 3  o Google Chrome e' tutto regolare.

Ho sistemato, l'HTML di quel commento era assolutamente folle, suggerisco, se possibile, di non usare word per preparare i commenti. Purtroppo e' noto che l'html da esso prodotto ha diversi problemi.