Titolo

Una chiappa ciascuno

6 commenti (espandi tutti)

Gli Agnelli, che grande famiglia, che mecenati delle arti, che benefattori dell'umanità! Non una ma ben due fondazioni avevano creato (e chissà quante altre) per finanziare l'arte internazionale e persino universale!

Che classe dirigente, che aristocrazia imprenditoriale, che superbe elites internazionali abbiamo noi in Italia!

Quando comparo una famiglia come gli Agnelli-Elkan a dei parvenues come Bill e Melinda Gates, ed alle loro provinciali fondazioni benefiche, anch'io, come i giovani e brillantissimi nuovi managers della grande dinastia, m'indigno pubblicamente e, riflettendo sul livore di certi morti di fame come me, intendo i sacri furori dei grandi managers e pensatori che si strappano le vesti, sconcertati, davanti a certi maramaldi, come me anche quest'ultimi!

Finalmente intendo la superiorità italica: noi abbiamo gli Agnelli, gli Elkan, i Rossi ed i Grande-Stevens. Questi pidocchi rifatti degli anglo-sassoni mercatisti hanno i Gates ed i Jobs o financo gli Sloan ... gentuza che non sa come trasferire decentemente un'eredità e la sperpera in medicine, ospedali e ricerca scientifica! Ma che polli, che polli!

C'e' anche di meglio: vedi la "charity" dedicata a "innovation in the field of architectural and interior design" della famiglia di Ingvar "Ikea" Kamprad...

Direi che il culetto d'oro stavolta va a Rossi: che elkann strepiti per difendere gli interessi di bottega tutto sommato è comprensibile, ma Rossi è proprio scandaloso. Provo una traduzione in  italiano corrente della parte "significativa" del pezzo:

«Se dovessi trovare un'immagine, o definire questa così delicata vicenda con poche parole, mi servirei di quel nichilismo presente nell'enciclica di Benedetto XVI. Quella spinta al dissolvimento da parte delle persone coinvolte. Un dramatis personae molto strana, freudiana oserei dire, quasi ai limiti della tragedia greca, che spinge all'annientare gli altri distruggendo se stessi».

Il papa e la buonanima dell' avvocato non si toccano, impicciatevi d'altro.

Guido Rossi è uno dei maggiori esperti di diritto in Italia e non solo, padre della legislazione Antitrust in Italia, profondo conoscitore delle vicende economiche e politiche del nostro Paese, peraltro in molte occasioni vissute da vicino.

slurp (ee en passant mi chiedo: sarà per il contributo di Rossi che l' antitrust si preoccupa di Google ma non di BS?)

Autore di numerosi libri in campo giuridico, economico e filosofico (l'ultimo arrivato in libreria è una sua analisi che accompagna un classico, il saggio di Keynes «I dubbi sul futuro dei nipoti»),

Consigli per gli acquisti: il libro è Adelphi, di cui RCS controlla il 48%.

ha assistito con stupore prima, con amarezza poi, alle vicende che riguardano Giovanni Agnelli. Dalle questioni ereditarie, con la battaglia intentata dalla figlia Margherita nei confronti della famiglia, a quelle fiscali che hanno portato a un'indagine dell'Agenzia delle Entrate per individuare eventuali fondi accumulati all'estero, nonché agli attacchi dei media di centrodestra.

Che gli viene in mente a questi dell' agenzia delle entrate? Non lo sanno che gli elusori del salotto buono non si toccano? Di questo passo un giorno o l'altro metteranno il naso anche negli affari miei, invece di interessarsi a quei cafoni di elettricisti col SUV.

«Sono davvero meravigliato dell'attacco forsennato al quale è stato sottoposto Gianni Agnelli — spiega Guido Rossi —. Non entro nel merito della vicenda.

I fatti non mi interessano, meglio parlare a vanvera.

L'articolo finisce qui, il resto è chiacchiera ed agiografia.

 

Marcello,

la tua traduzione è troppo bella, mi ricorda la rubrica di Cuore...chissà se il signor Rossi leggerà nFa, ma penso di si, del resto trova sempre una buona parola da queste parti ;) .

Grazie Marco.Il genere non è una novità, in passato ne hanno fatte diverse.

La cosa buffa poi e' che il contratto (firmato) riprodotto dal Corriere, che fa ridere Michele e fa fare una brutta figura alla Famiglia A. non puo che essere fatto pervenire al giornale da una delle due firmatarie dell'accordo, MA e MdP.  E probabilmente proprio da MA, che vuol dimostrare quanto e' stata generosa verso MdP.  "pretende di piu? la sistemo io! faro sapere quanto ha avuto gia".

La rivelazione dell'altro giorno "altro che 2 miliardi di euro" proviene presumibilmente dalla parte opposta.