Titolo

Perché Obama sta(va) perdendo delle elezioni già vinte?

1 commento (espandi tutti)

La mia sensazione è che la maggior parte delle persone voti "a sentimento" ossia col cuore o con la pancia a seconda della collocazione prevalente della sfera sentimentale in un dato individuo. Votano coloro che offrono una visione "chiara e forte" del paese che si propongono di rappresentare, in altre parole votano quei partiti che riflettono, come degli specchi selettivi, una immagine semplice da capire, emotivamente rassicurante, un paese ideale da far proprio. Non importa se sia una immagine credibile ed accurata, anzi meglio se non lo è (come non lo è il mondo del Mulino Bianco, per esempio).

Credo che da molti anni le destre (Reagan, Thatcher, Berlusconi, Bossi) siano state più efficaci delle sinistre nel proporre una visione simile. Le sinistre hanno, a mio parere, puntato in misura maggiore su razionalità e buon senso, moderazione, rispetto delle diversità, buonismo, perfino capacità autocritica. Niente di ciò in cui la maggior parte delle persone amano identificarsi. Mi spiego meglio: non dico che l'elettore medio odi la razionalità ecc... ma solo che non sono caratteristiche che stimolino quel "transfert" che fa decidere del voto.

 Perciò le sinistre sono in una posizione strutturalmente debole, e vincono solo quando le destre combinano disastri plateali. Ma sono vittorie metastabili, si ricade a destra alla prima occasione.