Titolo

Perché Obama sta(va) perdendo delle elezioni già vinte?

4 commenti (espandi tutti)

l'idea che alte aliquote marginali delle tasse sul reddito (o le tasse
in generale) siano un disincentivo all'offerta di lavoro non credo si
possa buttare nello stesso angolo dove sta la congettura di laffer sul
trovarsi a destra della U rovesciata del gettito

E non era mia intenzione farlo. Pero' siccome l'esempietto da blog era diretto all'uomo  della strada, io da uomo della strada dico che non mi dice nulla perche' troppo marginale. Posso? Sara' perche' appartengo a quel 95% per cui le tasse scendono (income tax e estate tax van giu', capital gains e dividendi rimangono invariati). 

E da uomo della strada noto che mankiw potrebbe aggiungere ai suoi calcoli la tassazione attuale che, per la sua fascia di reddito, equivale a 91.64%. Quindi, ricapitolo e mi viene fuori che

  • McCain 82.9%
  • Bush 91.64%
  • Obama 93.19%

Siccome non mi sembra affatto che il problema dell'economia americana negli ultimi 8 anni fosse da collegare alle tasse, da uomo della strada mi chiedo quale e' quel numero magico che sta tra 91.64 e 93.19 che rende tutto folle e che, ahime', annullera' tutti i benefici che mi verranno in tasca con la riduzione delle tasse che avro' con obama.

edit: il commento e' finito in fondo, doveva essere in replica a filippo. chiedo scusa.

 

Ci mancherebbe che tu non possa (anzi, sorry per la spocchia - l'unica cosa che la maggior parte degli studenti di economia impara piuttosto in fretta e bene). Mankiw ha fatto un esempio anche un po' moralista (cosa lascerà il buon padre di famiglia fortunato ai suoi poveri figli? quasi commovente) e con numeri non troppo realistici, ma non dice una bugia (che le tasse sono una brutta bestia).
In ragione dei calcoli che fai te sull'aliquota marginale dell'era Bush, mi chiederei se la ragione "tasse" non sia molto sottovalutata, più che pensare che la crisi finanziaria alla fine dei conti l'ha creato il moral hazard indotto da Greenspan (credo tu ti riferisca a questo quando parli dei problemi degli ultimi 8 anni): quanti punti di occupazione in più il paese avrebbe senza una tassa sui profitti delle imprese che è GIA' più alta di quella italiana (in Irlanda, in cui la crescita è vigorosa da anni e anche più che negli stati uniti, è 0)? Più in generale e riguardo il piano di Obama, aumentare le tasse ai ricchi vuol dire aumentare le tasse alla parte più produttiva del paese (soprattutto in un paese in cui non ci sono le rendite clamorose di cui certe categorie godono qui dove vivo io). E' sano, perché la torta si allarghi, che lavoratori super produttivi come il Mankiw di turno siano ultra tassati (non sono solo 10 CEO di wall street a guadagnare tanto)? Mi risulta che un tempo i democratici dessero una risposta diversa a quella che da Obama ora...

la corporation tax nella Repubblica d'Irlanda è 12.5% (in alcuni casi può scendere a 10%), non 0 come scritto (forse un typo) comunque è più bassa che in USofA.

pensavo fosse 10 e mi sono anche dimenticato l'1 :)