Titolo

Laureati ed iscritti all'università, un riassunto

1 commento (espandi tutti)

Encomiabili economisti che vi date all'analisi e al commento di cose universitarie, ho per voi una notizia di sicuro gradimento, che potrà alimentare interesse e dibattiti futuri. Dopo un po' di incubazione e di ginnastica politica, si è dato il via libera ad un feasibility study per un programma di valutazione degli esiti formativi dell'istruzione universitaria - detto anche, per capirci meglio, il "PISA for higher education" (ma non va assolutamente usata questa dizione, per non impaurire le masse e le istituzioni coinvolte - non dite che ve l'ho detto io).

Il programma in questione l'AHELO dell'OCSE (Programme for International Assessment of Higher Education Learning Outcomes), è stato da poco lanciato, e nei prossimi 2 anni dovrà condurre a risultati concreti circa la reale consistenza e solidità di questa nuova impresa. Si valuteranno sia le competenze generiche, anche dette trasversali, ma anche quelle subject-specific, in due discipline pilota, l'ingegneria e l'economia.

Insomma, avete capito bene, fra un po' andranno a fare i test e i questionari (di vario tipo, e certamente complessi, evidentemente) ai 22-enni laureati dei due campi in questione, in giro per il mondo. Ora, la cosa più incredibile - e non riuscivo a crederci quando l'ho saputo un mese fa - è che fra i 10-12 paesi che volontariamente hanno deciso di aderire a questo studio di fattibilità, c'è anche l'Italia !!!  Sì sì avete capito bene - e mi hanno detto dall'OCSE che questo miracolo è dovuto ad un incontro a luglio fra la Gelmini e il Direttore del Dipartimento dell'OCSE in questione. Ora vedremo come evolve la cosa, ma intanto voi avete queste notizie (che ovviamente la stampa, impagnata in ben altre opere di disinformazione, non sa) e ci potete dare un occhio.

RR