Titolo

Sette Miti. Anzi, no: sette confusioni. (II)

1 commento (espandi tutti)

Il secondo argomento teorico è più cinico: abbiamo bisogno di sgonfiare i debiti che non siamo in grado di rimborsare, e questo si ottiene inflazionando. Questa idea funzionerebbe se i creditori fossero davvero "qualcun altro" (i cinesi?) e "noi" fossimo solo i debitori. In questi casi si fa come hanno ripetutamente fatto gli argentini, che sono furbi e nel breve periodo se la cavano sempre ... cioè, se la cavano fino alla prossima volta che hanno bisogno di prendere a prestito!

Pero' li' la cosa e' diversa: gli argentini non monetizzano il debito tramite inflazione: si dichiarano direttamente insolventi (anche perche' i loro debiti sono denominati in valuta straniera).

Io francamente credo che, alla fin fine, la strada praticata sara' quella della monetizzazione del debito, fregando i creditori sia interni che internazionali: e sara' gia' qualcosa se BB & Co. riusciranno a mentenere l'inflazione a livelli moderati (tipo, diciamo, anni '70) senza che prenda piede un'iperinflazione stile Weimar. Il fatto che l'oro se ne stia pervicacemente attorno agli 850 dollari all'oncia, in barba ai profeti di sventura della deflazione, sembra suggerire che non sono l'unico a pensar male.