Titolo

Sette Miti. Anzi, no: sette confusioni. (II)

1 commento (espandi tutti)

Il titolo è allarmistico, ma l'articolo è ottimo! Ci sono i dati, sono dati veri e sono descritti correttamente, Altro livello, ancora una volta, dalla paccottaglia che gira in Italia sulla stampa di regime.

Tra l'altro, se leggi l'articolo e guardi i dati, noti che we (nFA, I mean) were right about Italy all along. Quasi tre anni fa, quando avevamo appena cominciato, prendevamo in giro quelli di sinistra che annunciavano, nell'estate del 2006 di aver fatto il miracolo, che l'Italia cresceva magicamente solo per il fatto che erano arrivati al potere. Ricordo di essermi scazzato qui, con il solito anonimo (mica tanto) tirapiedi di TPS alla EEC che veniva a spiegarmi del tendenziale e della crescita miracolosa. Dicemmo che, a partire da metà 2007 la crescita se ne sarebbe andata, e se ne andò. Il miracolo durò un nulla.

Non solo, i dati smentiscono brutalmente anche il commercialista da Sondrio che fa finta che tutti i guai italiani siano dovuti ai freddi venti USA. I freddi venti USA hanno solo accentuato i guai, i quali sono ben precedenti al fracasso da questo lato dell'Atlantico ed indipendenti da esso. La depressione italiana è reale, dura da dieci anni e quest'anno ed il prossimo sono solo due anni leggermente peggiori del resto. Con queste politiche, non è detto che siano gli ultimi.