Titolo

Sette Miti. Anzi, no: sette confusioni. (II)

1 commento (espandi tutti)

D'accordo su tutto tranne che sugli ultimi suggerimenti:

Buy a nice low-fee corporate or municipal bond fund, or a fund that invests in securitized student loans. Buy some bank stock. You’ll help your economy and you’ll earn a great profit too.

Se chi ha emesso le obbligazioni fallisce, o le banche vengono nazionalizzate o anche solo ricapitalizzate con massicce rights issues (pare che il governo britannico si stia preparando a rimpiazzare almeno in parte le azioni privilegiate con azioni ordinarie), addio investimento: altro che profitti. Io semmai metterei quei soldi in depositi a breve garantiti dallo stato, titoli di stato indicizzati al'inflazione, o oro.  

A me pare che, a parte la contingente questione delle banche riluttanti a emettere credito, soprattutto in certe parti del mondo (USA, UK, Irlanda, Spagna, svariati paesi dell'Europa centro-orientale etc.) ci sia un grave problema con i real assets di cui si parla relativamente poco: la proprieta' edilizia e' stata sopravvalutata, credito e' stato garantito da essa, il valore della proprieta' sta rapidamente tornando sulla terra, ma i soldi ottenuti col credito sono gia' stati spesi e non saranno interamente restituiti a chi li aveva prestati. Questo in un sistema finanziario altamente leveraged, cioe' con banche fortemente sottocapitalizzate rispetto ai loro attivi e passivi di bilancio, e con bilanci di dimensioni comparabili con il PIL dei paesi dove operano. E da qui non vedo facili vie d'uscita che evitino fallimenti a catena, se non innalzamento permanente del debito pubblico, o monetizzazione del debito tranne inflazione.