Titolo

Insegnamento gratuito e appropriazione delle rendite

2 commenti (espandi tutti)

Scusa Sandro ma proprio non sono d'accordo. Magari dall'Amerika e' facile dimenticarsi un po' come vanno le cose a Caserta, ma in certe zone del paese e per certe classi di persone la tua "utilita' di cercare lavoro nel settore privato" e' prossima allo zero. Che probabilita' ha un laureato in filosofia senza infamia e senza lode di trovarlo, sto lavoro? Al massimo se ha uno zio che conosce uno che ha un'azienda, ha la fortuna di andare a fare il guardiano notturno, in nero, guadagnando 200 euro in piu' che alla scuola privata, tie', pero' senza uno straccio di prospettiva.

Certo nessuno e' letteralmente obbligato a fare questa scelta, e se vogliamo ha le sue responsabilita' etiche. Potrebbe provare a emigrare per esempio, ma se uno ha poche ambizioni o magari problemi personali il costo e' certamente superiore al vantaggio - anche i romeni mica emigrano tutti, scusa. Poi possiamo anche discutere di come mai il mercato del lavoro sia cosi' anemico, e perche' ci siano tante persone laureate poco spendibili su questo mercato, ma questa e' un'altra storia. Magari non hai preso Bambi, ma anche secondo me stai sbagliando la mira.

Scusa Sandro ma proprio non sono d'accordo. Magari dall'Amerika e' facile dimenticarsi un po' come vanno le cose a Caserta, ma in certe zone del paese e per certe classi di persone la tua "utilita' di cercare lavoro nel settore privato" e' prossima allo zero. Potrebbe provare a emigrare per esempio, ma se uno ha poche ambizioni o magari problemi personali il costo e' certamente superiore al vantaggio

Ed esattamente perche' il mantenimento di un individuo mediocre una laurea inutile, e che neanche vuol fare la fatica di cambiare citta', dovrebbe essere a carico dalla collettivita'?