Titolo

Insegnamento gratuito e appropriazione delle rendite

1 commento (espandi tutti)

E' tardi e sicuramente ho la mente annebbiata dal gin e tonic serale, ma sinceramente non capisco tutto sto stracciarsi le vesti e invocare la schiavitu'. Se non ricordo male, in tempi remoti anche l'apprendista di un qualsiasi artigiano faceva l'apprendista a salario bassissimo per diversi anni, perche' nel frattempo imparava il mestiere. In altri termini, l'apprendista "pagava" l'artigiano esperto per farsi insegnare i segreti del mestiere. Un classico investimento in capitale umano (nota bene, intrapreso volontariamente), che rende successivamente.

Ora, magari l'insegnante nella scuola privata non impara granche', ma non sminuirei cosi' facilmente il valore dell'esperienza accumulata. Questo per dire che il meccanismo, pur con i suoi difetti dirigisti, non e' poi cosi' smaccatamente lontano da altre pratiche che hanno un solido fondamento nella teoria economica.

...Ma magari ho bevuto troppo gin e tonic.