Titolo

Insegnamento gratuito e appropriazione delle rendite

2 commenti (espandi tutti)

Nota comunque il tono dell'articolo, con gli insegnanti presentati come povere vittime. Lo stesso accadeva nell'articolo del Corriere. Non ho visto il servizio televisivo menzionato nell'articolo di Repubblica, ma scommetterei che anche lì il tono era lo stesso.

Nessuno si chiede perché questi insegnanti siano disposti a lavorare gratis, o più precisamente perché è così importante accumulare punti in graduatoria. L'unica risposta sensata è che c'è una rendita da pubblico impiego; dopo l'infinito dibattito seguito a questo post e all'altro con Andrea sono sempre più convinto che sia così. E sono sempre più convinto che se vogliamo ripristinare un minimo di normalità non solo economica ma anche civile a tali rendite bisogna mettere mano, riducendole drasticamente. Guai a dirlo però. Tanti sembrano proprio non arrivarci. Tanti altri fanno finta di nulla.