Titolo

A bientôt, Oscar

4 commenti (espandi tutti)

Spiegando la scelta di chiudere LiberoMercato, Giannino dice tra l'altro

Ed esprimono anche valutazioni su chi hanno ingaggiato, sul prodotto che ha realizzato e sulla sua omogeneità con lo stile e gli obiettivi della casa.

Il grassetto è mio. Forse esagero, ma per me la frase ha un suono vagamente sinistro. Che intende dire Giannino? Qual è il problema di ''omogeneità''? E di quale casa si parla? Feltri, la proprietà,  l'area politica di riferimento o qualcos'altro?

Non pare che tu abbia esagerato:

03-03-2009

Dagospia

Riceviamo e pubblichiamo:
 
Caro Dagospia,
sprovvisto momentaneamente di altri mezzi, se me lo consenti riapprofitto del tuo albo pretorio del giornalismo. Ho appreso oggi a sorpresa, leggendo Libero, di esserne stato indicato come uno dei vicedirettori. L'ho saputo così - come se la mia faccia, firma e consenso fossero un gingillo a loro disposizione.

Ringrazio l'azienda. Ma nel mio contratto è indicato espressamente che l'impegno era vincolato a realizzare e guidare LiberoMercato. Scritto nero sui bianco. Un giornale abbinato a Libero e diretto da me, come riportato su ogni numero di LiberoMercato prima che decidessero di chiuderlo sabato quando ho salutato i lettori, non è e non sono le pagine di economia di Libero, che saranno più apprezzate in quanto magistralmente dirette da altri.

Per sciogliere il contratto non serve spostarmi di giornale. Mi spettano non vicedirezioni a dispetto, ma la fissa prevista dal contratto giornalistico, in caso di cambio di linea editoriale. In tempi di Quaresima imploro per me, decapitato e sorridente, la sola prescritta sepoltura.
 

Grazie se mi ospiti, altrimenti grazie comunque
 Oscar Giannino

 

Ma perchè, fintanto che non trova famiglia, non lo ospitiamo qui? Se vuole difendere il mercato scriva qui...e lasci perdere dagospia. Ma che c'azzecca il rotocalco del lupanare bipartisan; delle larghe intese da bere e da sc...p..re con l'informazione economica seria?

Giannino non ha scelto Dagospia per fare informazione economica, ma perché Dagospia è stato il primo a dare notizia della chiusura di LM come testata autonoma, prima ancora che l'editore lo comunicasse a Giannino. Che non a caso definisce Dagospia l'"albo pretorio" della professione giornalistica.