Titolo

E rimetti a noi i nostri debiti ...

4 commenti (espandi tutti)

Tanto tempo fa lessi un libro, doveva ancora arrivare la new economy, non esisteva internet. Era un libro di basi economiche  dove si spiegava che una leva finanziaria sana non doveva eccedere il 50% del capitale. Sempre nello stesso periodo le banche non facevano mutui se la rata superava 1/3 dello stipendio . Sempre nello stesso periodo io ero in affitto .  Ho dovuto mettere da parte i soldi e solo dopo ho potuto accedere ad un mutuo.

Quello del signor ahmed non è un mutuo è un azzardo, una scommessa sul fatto che sarebbe andato sempre tutto bene , niente altro che una scommessa , come scritto sul libro che lessi tanti anni fa. Se lo stato dovesse aiutare il signor ahmed o il signor brambilla che hanno scommesso sul fatto che tutto sarebbe andato bene, perchè non dovrebbe aiutare il signor rossi che scommette sull'inter pensando che tanto vincerà ?

Per quanto riguarda il sig. Ahmed, il suo non era affatto un sub-prime all'italiana, dato che stiamo parlando si un lavoratore dipendente regolarmente assunto con dieci anni di anzianità e stipendio pari al doppio della rata del mutuo, tant'è che non ne ha mai saltata una, sino ad oggi. Aggiungo pure che il mutuo era anche in linea con legge sul credito fondiario che impone di non finanziare più dell'80% del valore dell'immobile da ipotecare.

Parlando invece più in generale, è vero che chi contrae un mutuo fa una scommessa sul fatto che sarà in grado di ripagare il debito mentre dall'altro lato che presta soldi accetta il rischio e si fa pagare di conseguenza, ma questo vale per qualsiasi rapporto di  debito/credito sia il debitore il sig. Ahmed o sia invece la Fiat.

Qualsiasi lavoratore dipendente non statale è a rischio di perdere il posto di lavoro e lo stesso vale per molti piccoli lavoratori autonomi il cui lavoro è legato alle proprie condizioni di salute: tutti costoro fanno scommesse quando comprano casa e chiedono un mutuo:  l'alternativa è la restrizione del credito solo ai soggetti certamente in grado di ripagare i mutui, azzerando il rischio per il creditore, nulla di sbagliato, ma poi devi anche accettare il conseguente rallentamento dell'economia

Se lo stato dovesse aiutare il signor ahmed o il signor brambilla che hanno scommesso sul fatto che tutto sarebbe andato bene, perchè non dovrebbe aiutare il signor rossi che scommette sull'inter pensando che tanto vincerà ?

Premesso che sono d'accordo che lo stato non deve aiutare indiscriminatamente, non puoi mettere sullo stesso piano la scommessa sull'inter e un aiuto temporaneo per un mutuo prima casa, se non altro perchè la costituzione (art. 47) "favorisce l'accesso del risparmio popolare alla proprietà dell'abitazione" e non invece alle scommesse sportive.

 

 

"l'alternativa è la restrizione del credito solo ai soggetti certamente in grado di ripagare i mutui, azzerando il rischio per il creditore, nulla di sbagliato, ma poi devi anche accettare il conseguente rallentamento dell'economia "

Guarda che se ci troviamo in questa situazione è proprio perchè si è prestato i soldi indiscriminatamente. A fine 2007 la banca per la mia attività mi aveva "predeliberato" un mutuo fino a 65000 euro !!!  al che ho telefonato chiedendo su quale criterio avevano fatto questa valutazione, e la risposta è stata lo ha deciso la direzione. Io il prestito non l'ho preso perchè sapevo che non sarei riuscito a restituirlo. 

Relativamente ai mutui il valore dell'80% del capitale garantisce la banca e non il contraente , garantisce la banca ammesso che i prezzi degli immobili rimangano costanti.Garantisce che la banca per avere indietro i soldi vende l'appartamento  . Ad oggi non garantisce neanche la banca.

"la costituzione (art. 47) "favorisce l'accesso del risparmio popolare alla proprietà dell'abitazione" e non invece alle scommesse sportive." 

Infatti il problema è iniziato quando a scomettere hanno iniziato le banche

Si uscirà dalla crisi solo quando ognuno si prenderà le proprie responsabilità e si smetterà di aspettare la divina provvidenza o lo stato che lo tiri fuori dai guai.

Forse perchè la casa è un diritto sancito dalla costituzione (come il lavoro) mentre scommettere  sull'Inter no?

Certo poteva andare in affitto ma in molte zone d'Italia questo è difficile (specie se sei extracomunitario) ed è molto poco conveniente.

Poi il signor Amhed, come tutti noi, versa un'elevata percentuale dei propri guadagni al fisco è magari vorrebbe qualcosa in cambio come nel resto dell'europa civile (vedi commento di Francesco Forti)