Titolo

Ma porca miseria, anche qua?

1 commento (espandi tutti)

Scusate se ritorno brutalmente  al topic, ma volevo chiarirmi un dubbio che mi arrovella si da quando venne annunciato che Fiat e Chrysler avevano iniziato ad "annusarsi".

Dato che in economia vale, o dovrebbe valere, la regola secondo cui nessun pasto è gratuito, mi dite dove sta l'inghippo ?

Allora, da una parte c'è un'impresa USA cotta e decotta, che ha un disperato bisogno di liquidi "veri" adesso e non tra qualche mese. Arriva mr. President e gli dice vi apro il rubinetto della bombola dell'ossigeno se vi accoppiate con questi strani italiani, che già ci hanno gabbato una volta con GM, ricavandone 500 milioni per lasciarsi senza alimenti, e che ci potrebbero provare anche adesso con voi.

Io dico, vabbè, da un lato, essere alla canna del gas e vabbè, dall'altro, l'orgoglio italiota, ma 'sta cosa puzza assai, molto di più del suddetto gas.

Fiat ci mette il suo know hown in fatto di motori e vetture, relativamente, poco inquinanti ed in cambio si "prende" circa 1/3 di Chrysler.

Tutto questo con uno scambio alla pari ?

Ovvero, alcune migliaia di ore uomo, facciamo pure 10 o 20 mila, di engineering ed una manciata di brevetti valgono 1/3 della Chrysler ?

Mettiamo pure nel corredo nunziale l'accessibilità alla rete di vendita USA ed i già annunciati nuovi stabilimenti, forse in Messico, che però vanno costruiti e pagati e mica sono già lì, pronti da mettere sulla bilancia.

Il conto continua a non tornare.

Secondo me il Marchionne sta facendo questo gioco: tutto si fa grazie al contributo rilevante e decisivo del maxiprestito dato a Fiat da Unicr. & BancInt. Poi quando, magari tra un paio di annetti, magari a crisi se non risolta almeno scollinata, le banche batteranno cassa per sedersi anche loro al tavolo del banchetto, il "nostro" ti lancia un bell'aumento di capitale, di quelli tipo "proposta che non si può rifiutare" e che verrà finanziato dal solito parco buoi della borsa italiana.

Se fosse così, doppio danno: voi ameriKani pagherete adesso le tasse per mantenere l'accoppiata Fiat-Chrysler a casa vostra e poi noi "bovini" italici ci metteremo i nostri averi per non far saltare la Fiat in house.

Cioè, tornando alla regola di cui sopra, il vero rischio è che il conto lo presentino 2 volte per lo stesso pasto.