Titolo

Son fascisti o no?

3 commenti (espandi tutti)

Anche io non so molto del diritto internazionale sul diritto d'asilo. La prassi (che non so se ha fondamento di diritto) sembra essere quella che descrive Antonio: se metti un piede sul mio territorio allora puoi chiedere asilo, ma se ti becco in acque internazionali posso scaricarti da qualunque parte e tu non hai diritto a nulla.

Questa è, per esempio, la wet feet/dry feet policy che gli USA sotto Clinton hanno adottato verso l'emigrazione cubana, e che hanno mantenuto finora: un cubano che arriva sul territorio statunitense può chiedere asilo e questo gli viene concesso, se invece il cubano lo si trova per mare lo si riporta a casa sua o da qualche altra parte.

Non so quanto la politica ha scoraggiato l'immigrazione; di sicuro ha modificato i percorsi, dato che ora i cubani anziché affrintare il braccio di mare con la Florida su imbarcazioni precarie preferiscono andare in Messico e poi traversare la frontiera via terra.

Credo che alla fine succederà la stessa cosa anche da noi. Nonostante il rumore che si è fatto finora il numero di migranti intercettati per mare è molto basso rispetto all'entità del flusso migratorio irregolare (per quel che ne possiamo sapere; ovviamente i dati non sono molto precisi). Se la politica di intercettazione continuerà, i flussi migratori troveranno altre strade. Altrimenti, dopo la solita scorpacciata propagandistica pre-elettorale, si tornerà allo status quo.

Per quanto riguarda il fascismo degli italiani sul tema, non saprei. A me sembra che la xenofobia come strumento propagandistico funzioni più o meno dappertutto, anche se con alterne fortune. I periodi di crisi sono sempre stati periodi in cui la xenofobia cresce; vale per gli operai britannici che scioperano per mandar via gli italiani e vale per gli italiani che decidono di ignorare il possibile diritto all'asilo dei migranti.

Dunque mi sono messo a cercare sul sito del UNHCR. Ho trovato questo documento, che disciplina il soccorso in mare. Tra le altre cose leggo (pagina 8):

Diritto internazionale dei rifugiati
Se le persone soccorse in mare rendono nota l’intenzione di chiedere
asilo, devono essere applicati i principi fondamentali sanciti nel
diritto internazionale dei rifugiati. Il comandante della nave non è
responsabile della determinazione dello status delle persone a
bordo, ma egli deve comunque essere a conoscenza di tali principi

 

Quindi deve essere il richiedente a fare presente che vuole l'asilo politico?

Io invece ho guardato il sito della US Coast Guard. Dicono, tra le altre cose, questo:

Protection from political persecution and torture are important concerns for the U.S.  During the course of migrant interdictions, Coast Guard crews may encounter migrants requesting protection. The Department of State (Bureau of Population, Refugees, and Migration) and the Bureau of Citizenship and Immigration Services establish the policies in this area and handle all potential asylum cases on our cutters.

Ho provato a cliccare sui due links ma non ho trovato nulla. A me sembra di capire che ci sia un notevole margine di discrezionalità. Per esempio credo sia considerato accettabile che, qualora il migrante affermi che corre rischi in caso di rimpatrio, allora venga scaricato in un paese terzo.