Titolo

Son fascisti o no?

3 commenti (espandi tutti)

BS, in qualità di Presidente del Consiglio, dovrebbe rappresentare l'Italia, e non solo il suo elettorato (in molti casi ignaro di ciò che il B fa...). Lo dice la Costituzione. A tal proposito le sue ultime parole sono la dimostrazione di come sfrutti, in maniera assurda e deplorevole, ogni singola possibilità di intervento per fare della "insana" campagna elettorale tramite i suoi slogan; d'altronde questa è la sua abilità, siamo tutti coscienti di questo. E non mi si venga a dire che non sapeva cosa stava dicendo, se fosse così staremmo veramente malissimo. 

Il nostro è un paese multietnico, almeno per le persone civili che ci abitano, lavorano, studiano, e che hanno un minimo di onestà intellettuale e coscienza. Il nostro non è assolutamente un paese fascista, il nostro è un paese pieno di incomprensioni e di scarsa trasparenza, soprattutto in politica. Questa è la motivazione per cui chi sceglie BS e la sua "Libertà", non ha il pieno controllo di se in sede elettorale. Non giudico male chi vota il PDL, non giudico nessuno in realtà, sto semplicemente sostenendo che B ha così tanto seguito in questo Paesino per un motivo molto semplice: c'è tanta ignoranza (nel significato più puro del termine). Perciò si vuole preservare questo tipo di Italia (come hai sottolineato tu nel PS), si vuole preservare l'ignoranza, che a lungo andare annienta la libertà seria! Questo fa comodo, tanto comodo. Se non ci fosse questo, dubito che ci sarebbe tanto seguito.

PS Ti devo fare un appunto, e mi dispiace sinceramente tanto, dato che mediamente sono sempre d'accordo con quanto sostieni. Cosa intendi quando associ al nome di Dario Fo l'aggettivo demenziale?

Lui ed i suoi liberali non sono di certo, ma questo non l'avevo mai dubitato. Da anni vedo nel progetto di BS una replica italiota del peronismo argentino e, da quando quest'ultimo governo è stato eletto, quanto ha fatto e detto ha confermato tale impressione. Anzi, in molte cose vedo da mesi una deriva clerico-fascista (che per una volta ignori i moniti vaticani non è sufficiente per eliminare quel clerico, che tornerà utile alla prima occasione) la quale, nel mio vocabolario politico, è cosa più dannosa del peronismo. Tutti però negano che così sia e l'argomentarlo sembra schiaffarti immediatamente nell'indesiderabile compagnia dei Diliberto, Bertinotti, ColomboFurio, FoDario ed altre demenzialità nazionali. La qual cosa induce al dubbio: son fascisti, al fondo, o no?

Cosa intendi quando associ al nome di Dario Fo l'aggettivo demenziale?

Che DF avrebbe dovuto continuare a fare l'attore comico, e lasciar stare il resto. Il 94% delle cose che proclama, fuori dal teatro, sono a mio avviso demenziali. Dal Soccorso Rosso in poi, mi sembra un'uomo con troppo senso dello spettacolo, eccessivo desiderio di apparire in pubblico, zero senso della realtà ed effetti negativi in politica e questioni sociali. Ovviamente è un'opinione, ma è un'opinione che ho da almeno 35 anni, non da oggi.

Non voglio far polemica, però DF non credo abbia fatto gli stessi danni (e poi quali??) di altri (politici)! A me sembra che abbia continuato negli anni a fare il giullare, come ha sempre sostenuto e come ho sempre pensato fosse giusto che sia. Poi la vicenda di SR si riferisce ad un periodo così lontano, quasi in concomitanza con la magnifica P2 e la Gladio...quindi "scagli la prima pietra chi è senza peccato"...

E' ovvio che un personaggio di tale spessore, sia culturale che teatrale, sia estromesso da qualsiasi ritaglio di tv...ritornando al discorso sull'Italia che BS vuole preservare...

Comunque rispetto l'opinione altrui.