Titolo

Son fascisti o no?

5 commenti (espandi tutti)

La mia personale opinione, che ho gia' espresso in passato, e' che MSI e poi AN sono dominati da un coeso gruppo dirigente legato direttamente alla tradizione politica e culturale fascista, ammodernata ai tempi, mentre Fini ha aderito all'MSI (come ha spiegato lui stesso) non in base ad un'appartenenza culturale fascista o post-fascista, ma solo come reazione al conformismo culturale comunista al tempo invasivo e anche tendenzialmente violento vigente a Bologna. Inizialmente Fini ha acquisito e fatto suoi l'ideologia e il sistema di valori post-fascista (statalismo nazionalista ed etico, economia corporativa, disprezzo del mercato, del liberismo e del modello amerikano, eccetera).  In seguito progressivamente Fini ha acquisito e fatto propri alcuni valori della destra conservatrice europea non fascista, con attenzione di stampo direi "radicale" sulle liberta' personali, e aperture su meritocrazia di stampo liberale. Purtroppo mi sembra mantenga i principi fascisti e post-fascisti, ma non solo, riguardo a statalismo e intervento dello Stato in economia.

mentre Fini ha aderito all'MSI (come ha spiegato lui stesso) non in base ad un'appartenenza culturale fascista o post-fascista, ma solo come reazione al conformismo culturale a comunista

Alberto, mi ricordo che avevi detto la stessa cosa tempo fa, allora credevo fosse una tua opinione, ho capito invece che Fini l'ha scritto o detto da qualche parte. Scusa la pedanteria ma la cosa mi interessa e forse è importante per stabilire la credibilità della persona. Ti ricordi per caso dove?

Purtroppo mi sembra mantenga i principi fascisti e post-fascisti, ma non solo, riguardo a statalismo e intervento dello Stato in economia.

Con questo criterio credo che di politici in parlamento se ne salvano veramente pochi. Magari qualcuno di nFA è disposto a sacrificarsi per fargli cambiare idea? Poi ho questa idea, ma non credo di essere il solo, della Costituzione Italiana incredibilmente ingombrante, specialmente nella sfera economica della vita dei cittadini, a partire dall'Art.1 Mi arrampico sugli specchi ma non riesco a farmi riuscire antipatico il tipo, ma nel suo ruolo istituzionale forse non può esprimersi con la chiarezza con cui vorrebbe.

Scusa la pedanteria ma la cosa mi interessa e forse è importante per stabilire la credibilità della persona. Ti ricordi per caso dove?

Tutto merito di John Wayne. Così il Corriere nel lontano 1996.

Tutto merito di John Wayne. Così il Corriere nel lontano 1996.

Grazie Ne'elam, mi hai risparmiato una non banale ricerca su web.  Ho visto altrove che l'intervista di G.Fini in cui afferma quanto riassunto sul Corriere e' stata pubblicata sul Quotidiano Nazionale, che pero' dubito abbia in rete archivi come quello del Corriere.

grazie, quando l'ho letta me la sono ricordata pure io. chiedo ad un amico giornalista se può rimediare l'intervista al quotidiano nazionale (grazie alberto). l'episodio è verosimile e descrive il clima dei tempi, ma potrebbe anche esserselo inventato di sana pianta.