Titolo

Son fascisti o no?

4 commenti (espandi tutti)

Secondo stime pubblicate in passato sui giornali, la popolazione italiana consuma il doppio circa delle risorse naturali provviste dal territorio italiano: da questo punto di vista l'Italia e' sicuramente sovrappopolata e sarebbe consigliato piu' che dimezzare la popolazione.

References? Comunque questo non significa assolutamente niente. In Canada ce ne abbiamo in eccedenza, e per una visita agli uffizi (o anche una ferrari) ve ne diamo volentieri un po' in cambio (o a Pizza de' Cavalieri, cosi' ti faccio piu' contento).

Il Giappone e' un paese da questo punto di vista estremamente sovrappopolato.

Com'e' che non ho mai sentito un solo Giapponese (ne conosco a centinaia) lamentarsi che sono troppi? Si lamentano invece, quello si, che fanno troppo pochi figli.

non si costruisce sulle pendici di vulcani storicamente attivi

Questa e' divertente. Qui c'hanno organizzato il G8. E' un posto bellissimo, io ci vado in vacanza, ci sono un sacco di onsen (terme). Qui per chi mastica un po' di Giapponese (io no) o anche per un paio di foto significative.

Comunque, se in Giappone sono tanto bravi (ammesso che lo siano veramente), un governo competente in Italia drovrebbe semplicemente fare come in Giappone, che ha il doppio della densita' di popolazione, perche' mai ridurre la densita' risolverebbe i problemi? A quanto era la densita' di popolazione nel territorio dell'Italia di ora nel 79 DC?

 

References?

http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_countries_by_ecological_footprint

Comunque questo non significa assolutamente niente. In Canada ce ne abbiamo in eccedenza, e per una visita agli uffizi (o anche una ferrari) ve ne diamo volentieri un po' in cambio (o a Pizza de' Cavalieri, cosi' ti faccio piu' contento).

Se permetti, quanto stimato significa qualcosa, significa quantomeno che gli italiani devono sfruttare risorse naturali esterne al territorio abitato per sopravvivere, e riusciranno a farlo solo se chi abita il resto del mondo sara' d'accordo e avra' una qualche convenienza a farlo. Tutta l'evidenza disponibile indica che le risorse naturali in rapporto a popolazione e consumi stimati si stanno esaurendo a livello globale, alcune in orizzonti di tempo molto brevi dell'ordine di qualche decennio. In un'ottica di lungo termine, ammesso gli italiani e specie i loro politici abbiano la capacita' di concepirla, dovremo tutti fare i conti con risorse naturali limitate, e i paesi piu' sovrappopolati e meno lungimiranti saranno quelli posizionato peggio.

li italiani devono sfruttare risorse naturali esterne al territorio abitato per sopravvivere, e riusciranno a farlo solo se chi abita il resto del mondo sara' d'accordo e avra' una qualche convenienza a farlo.

Appunto, diciamo la stessa cosa. Finche' in Italia si produce qualcosa da dare in cambio. Quello che conta non sono solo le risorse naturali, ma anche (soprattutto) il capitale umano, fisico, di produtivita' (TFP) che possa garantire a chi vive in Italia di avere sempre qualcosa da barattare per approvigionarsi delle risorse. Poi se le cose dovessero mettersi per il peggio, beh allora ve ne dovreste emigrare altrove, magari in Africa, che li invece le risorse naturali ci sono. Chissa' se tra 50 anni non sara' la Libia a rimandare i barconi di Italiani straccioni indietro.

Chissa' se tra 50 anni non sara' la Libia a rimandare i barconi di Italiani straccioni indietro.

Credo che l'evoluzione sara' piu' veloce.  Estrapolando i tassi di crescita degli ultimi anni nel 2008-2009 la Grecia supera come PIL pro-capite l'Italia e se ricordo bene la Romania supera l'Italia nel 2050. D'altronde, dopo 40-50 anni in cui entra in Italia un numero di immigrati approssimativamente pari al numero dei nuovi nati in Italia, di indigeni ne saranno rimasti pochi e l'Italia sara' abitata prevalentemente da africani, romeni e albanesi e loro discendenti.