Titolo

Dagli al comunista!

2 commenti (espandi tutti)

non vorrei andare troppo off topic, ma mi potete dire se la richiesta della Lega ("Chiediamo di adeguare il salario al reale costo della vita") ha alcuna logica? chiedo perché io, da profano, mi aspetterei che il salario venga adeguato alla produttività, non al costo della vita...

Rilancio la domanda, prima che sfugga via.

la produttività tra l'altro è puntuale, della singola azienda. Non so se esiste una produttività comunale, distrettuale, provinciale o regionale. Anche se esistesse (si potrebbe anche calcolarla) non vedo perché calcolare gli stipendi di un lavoratore (o di un gruppo) sulla base del costo medio della vita di una zona.

Francesco

 

La produttività tra l'altro è puntuale, della singola azienda. Non so se esiste una produttività comunale, distrettuale, provinciale o regionale.

Esiste per definizione la produttivita' media aggregata per ogni ripartizione amministrativa desiderata, per ogni settore desiderato.  In passato ho letto che a grandi linee la produttivita' degli impiegati meridionali e' l'80% di quella media italiana (o di quella degli impiegati settentrionali, non ricordo), numero comunque superiore a quanto si potrebbe temere dato che il reddito pro-capite meridionale e' pari a circa il 60% del reddito italiano medio.

Ritengo che proprio la stupidita' e la scorrettezza di non tener conto di queste differenze territoriali medie condanna di fatto il Sud all'arretratezza.  Se il dipendente medio meridionale produce il 20% in meno ma viene pagato uguale, allora gli investimenti privati fuggiranno dal Sud e si concentreranno al Nord, cosi' l'occupazione del Sud in rapporto alla popolazione diminuisce (e aumenta quella al Nord). A spanne a Sud gli occupati sulla popolazione saranno -30% rispetto a quelli del Nord, e -20% di produttivita' piu' -30% di occupazione fanno il reddito pro-capite del Sud uguale al 50% di quello del Nord a grandi linee.

Questo modello e' consistente col fatto che

  • a Sud, la disoccupazione e' ai vertici tra tutti i paesi OCSE
  • a Nord la disoccupazione e' ai minimi