Titolo

Lesa maestà

1 commento (espandi tutti)

Se leggo attentamente sia tu che Alberto (Lusiani) continuate a ripetere la vecchia tesi craxiana: lo sanno tutti che rubavano (rubano) tutti e che in Lombardia si spartivano la torta equamente e che il PCI era organico al sistema delle tangenti. Quindi se il pool milanese ha messo in galera solo gente del PSI, della DC (e del PSDI, eccetera) questo è dovuto al fatto che funzionava sotto controllo del PCI o che era perlomeno simpatizzante del PCI.

La tesi craxiana mirava, in realtà, all'equivalenza “colpevoli tutti” = “colpevole nessuno”, che non corrisponde al mio pensiero. Il fatto che le indagini abbiano coivolto il PCI, ma non raggiunto i vertici politici in egual misura rispetto a DC e PSI, potrebbe significare sia una miglior organizzazione “tangentifera” di quel partito, che una reale mancanza di volontà degli inquirenti a procedere sino in fondo (sospetto corroborato dalle successive scelte di vita di taluni protagonisti), nemmeno escludendo anche una decisione motivata dalla supposta necessità di non avere tutto il mondo politico (ed economico, come si è detto) contro. Tutto ciò, come fai correttamente notare, non cambia il fatto che costoro – quelli successivamente condannati – ladri eran di certo ed andavano perseguiti: affermo semplicemente che la mancata punizione dell'altra banda di malfattori ha reso monca l'opera di Mani Pulite e – perché QUESTO era l'oggetto della discussione – che ciò è esattamente il rimprovero che viene fatto a DiP & soci nel loro lavoro di magistrati, a prescindere dalle motivazioni, di cui nemmeno m'importa molto e che sono, ovviamente, difficili da stabilire.

Per quanto riguarda l'aneddoto che ho narrato, sta solo a significare che nessuno si debba proclamare “moralmente superiore”, giacché comportamenti censurabili stanno – da sempre – ovunque, ed anche che simili atteggiamenti non parrebbero indicare estraneità al gioco dell'arraffa-affaffa ….....

Infine, la purezza leghista: dove l'avrei sostenuta? Io mi limito a sottolineare che il coinvolgimento dei vertici politici (ch'è ciò che conta dal punto di vista della pubblica opinione) della Lega in seguito alle colpe (che pure ci sono) non pare seguire le medesime modalità utilizzate per il PCI. Non saprei dire con assoluta certezza se ciò sia voluto, né quale ne sia il motivo ma - ancora una volta – non trovo particolarmente importante rispondere al quesito: rimane evidente che così è, e la cosa non può essere considerata accettabile.