Titolo

Euro-Lira: uno stato, due monete

3 commenti (espandi tutti)

Di questi tempi, la soluzione ipotizzata non è affatto un'amenità estiva. La vedo comunque difficile. Ed il motivo è sempre e comunque la manifesta incapacità di decidere della classe politica e dirigente. E questa a sua volta deriva da una mancanza di visione e di prospettiva di medio-lungo termine. Siamo pur sempre stati ostaggio di tassisti e camionisti come se nulla fosse. Occultamente siamo ostaggio di un mare di altri capicosca, capibastone, clan eccetera. Siamo condannati, autocondannati ad essere trascinati dagli eventi. Senza un guaio grosso e grosso per davvero sul genere della cacciata dall'area €uro, nulla cambierà. Lo so di essere generico ma l'esperienza empirica e lo spettacolo cui ho assistito nei mei primi 6o anni, mi ispirano una siffatta opinione.

luigi zoppoli

Giusto. Unica osservazione: "la cacciata dall'area €uro". Non so quanto dia fastidio agli altri stati membri la presenza dell'Italia nell'euro. Il fatto che uno stato membro ha il debito alto non crea danni agli altri. I parametri di Maastricht li interpreto piu' come un'avvertenza che se vieni a giocare con noi e non hai le carte in regola rischi di farti male. Piuttosto romperebbe di piu' avere le industrie settentrionali (competitive e integrate nel mercato europeo) avvantaggiarsi di svalutazioni competitive. Per i francesi e tedeschi e' meglio tenerle dentro l'euro.

Se ci sara' un'uscita (anche se parziale) sara' prevalentemente una decisione italiana.

Comunque, rispondendo anche ad un altro post, far parte dell'euro ha anche un sacco di vantaggi.

Credo che altri Stati dell'area €uro festeggerebbero a caviale e champagne l'uscita di Italiettistan. Ma credo che sarebbero guai immensi per gli italiettistani.

luigi zoppoli