Titolo

Euro-Lira: uno stato, due monete

2 commenti (espandi tutti)

Sarà il caldo afoso della bassa padana, ma anch'io faccio sogni strani.

Tipo che teniamo la stessa moneta, ma abbiamo due stati in uno (federalismo vero). All'interno dei due stati ci saranno stipendi diversi, non perchè si usino due valute diverse, ma due criteri diversi; ovvero due panieri per l'inflazione (i prezzi al  consumo sono già molto diversi) e due indici per la produttività.

Avremmo due parlamenti che sommati daranno la metà dei parlamentari di oggi, più un organismo federale competente in materia giuridica e di controllo dei "trasferimenti assistenziali".

Tali trasferimenti saranno effettuati SOLO per la realizzazione di opere pubbliche, a fronte di seri e solidi business plan e con erogazione in fasi successive legate all'avanzamento lavori; il mancato rispetto delle scadenze comporta la perdita dell'erogazione.

Il ridotto costo del lavoro nello stato meridionale attrarrà investimenti da parte di aziende settentrionali ed estere, con il diretto risultato di aumentare l'occupazione e il PIL.

Il ridotto carico fiscale al Nord permetterà di incrementare la propria produttività e l'amministrazione diretta delle imposte di creare infrastutture finalmente degne del III millennio.

Dopo trenta anni, il Sud sarà avanzato come lo è il Nord oggi, magari si potrà pensare ad un riunificazione sensata e...yaawwn...accidenti, mi sono svegliato, troppo caldo...

 

P.S.

nessun politico avrebbe mai il coraggio nemmeno di proporre un'uscita, seppur parziale, dall'area Euro.

P.P.S.

Anche se per motivi non principalmente economici, non vedo la legalizzazione della marijuana come una desperate measure. Maybe it's just me...

nessun politico avrebbe mai il coraggio nemmeno di proporre un'uscita, seppur parziale, dall'area Euro.

Se non ricordo male Tremonti nell'ultima legislatura anche se non in modo esplicito lo aveva lasciato intendere in diverse occasioni (quando demonizzava l'euro che rendeva costosa la vita alla gente, lo ricordate?)

Io credo che alla fine sia solo una questione di parole. Basta far passare il messaggio che con quella moneta si creeranno le condizioni per un miglioramento del benessere con minore costo della vita per la gente, e pochi si opporranno a "San Tremonti". Certo, si dirà che il passaggio dovrà essere graduato ma alle regioni del sud viene data la priorità per offrire loro vantaggi più immediati ed urgenti grazie alla Nuova Lira Forte...con decreto d'urgenza, mentre per il resto si crea una legge che però dovrà essere dettagliata da norme attuative (prendendo tempo...indefinito) e poi in questo modo si apre la strada ad una eventuale uscita dall'euro di tutta l'Italia. Io penso che tra gli imprenditori del nord una certa parte ne sarebbe felice.