Titolo

Euro-Lira: uno stato, due monete

7 commenti (espandi tutti)

La soluzione rimane quella del federalismo, vero, serio, con la reintroduzione delle "gabbie salariali", introducendole anche per il pubblico impiego.

Per carita'! perche' mai si dovrebbero reintrodurre le gabbie salariali? Ma il mercato e' proprio impossibile farlo funzionare un po' piu' autonomamente? Basterebbe lasciare che i contratti privati fossero lasciati liberi di aggiustarsi alla produttivita' locale e agganciare i salari pubblici a quelli privati. Poi, in un sistema di governo federale, molti dipendenti pubblici diventerebbero stipendiati dal governo locale, per cui non c'e' alcun bisogno che siano pagati allo stesso modo sul territorio nazionale.

Ma anche in un sistema centralizzato non c'e' alcun bisogno che i salari sia uguali ovunque.

Avevo messo gabbie salariali fra virgolette proprio per il motivo da te addotto, deve essere il mercato a stabilire i livelli di reddito, non la "contrattazione centralizzata", volevo solo far riferimento a una cosa che è già esistita: salari differenti fra Nord e Sud. Parlavamo, quindi, della stessa cosa, su questo siamo d'accordo.

Poi, in un sistema di governo federale, molti dipendenti pubblici diventerebbero stipendiati dal governo locale, per cui non c'e' alcun bisogno che siano pagati allo stesso modo sul territorio nazionale.

Contratto Nazionale del Pubblico Impiego ti dice niente ? Non importa chi paga (Stato, Regione, Provincia, Comune e via così..): a uguale funzione uguale stipendio. Da Siracusa a Bolzano.

Il problema è il Contratto Unico Nazionale, sia esso pubblico o privato, è quello il totem da abbattere, e ritornare a quella cosuccia insignificante chiamata "mercato". Anche dei salari e stipendi, anche perchè, tra l'altro, poi non funziona nemmeno la teoria economica, sia essa monetarista o keynesiana, che (a memoria, 27 anni fa l'ho studiata..) prevedevano la flessibilità dei salari/stipendi, o meglio non la mettevano in discussione.

La soluzione rimane quella del federalismo, vero, serio, con la reintroduzione delle "gabbie salariali", introducendole anche per il pubblico impiego.

Per carita'! perche' mai si dovrebbero reintrodurre le gabbie salariali? Ma il mercato e' proprio impossibile farlo funzionare un po' piu' autonomamente?

Non e' praticamente possibile usare il mercato per i salari dei dipendenti pubblici. O si fa qualcosa di paragonabile alle gabbie salariali, prendendo come base salari privati o costi della vita locali, oppure si licenziano tutti gli statali e si appaltano tutti i servizi pubblici a ditte private in competizione tra loro.

Non e' praticamente possibile usare il mercato per i salari dei dipendenti pubblici.

Beh, forse in Italia! Ti assicuro che altrove e' assolutamente possibile. Io, ad esempio, sono un dipendente di un ente pubblico, la mia universita' in Canada. Il mio slario e' stato contrattato da me e la mia universita' seguendo una contrattazione bilaterale in cui io ho cercato di farmi dare il piu' possibile facendo pesare anche qualche outside option etc... Io questo lo chiamo mercato, te?

 

Non e' praticamente possibile usare il mercato per i salari dei dipendenti pubblici.

Beh, forse in Italia! Ti assicuro che altrove e' assolutamente possibile. Io, ad esempio, sono un dipendente di un ente pubblico, la mia universita' in Canada. Il mio slario e' stato contrattato da me e la mia universita' seguendo una contrattazione bilaterale in cui io ho cercato di farmi dare il piu' possibile facendo pesare anche qualche outside option etc... Io questo lo chiamo mercato, te?

Quanto scrivi e' plausibile per le posizioni dirigenziali (eliminati dogmi e paraocchi italiani), non per i 3 milioni di insegnanti di scuola, per esempio, altrimenti la contrattazione individuale terminerebbe nel 2400 d.C. solo per il primo anno di applicazione.

 

Il mio dipartimento stava cercando una persona per ruoli di segreteria, e facevamo offerte individualizzate a seconda della persona. Non certo un ruolo dirigenziale. Non ne sono sicuro, ma credo che anche gli insegnanti di scuola elementare abbiano offerte individuali e che in cuole diverse ci sono salari diversi anche nella stessa citta'. Non vedo proprio quale sia il problema.

Comunque se anche un liberale come te non vede queste possibilta' allora non credo ci sia molto da fare in Italia.

Comunque se anche un liberale come te non vede queste possibilta' allora non credo ci sia molto da fare in Italia.

Concordo sul fatto di essere anche io pesantemente condizionato dalla assurda realta' in cui vivo e opero, per quanto ne provi ribrezzo.

Effettivamente in un contesto a responsabilita' delegata e diffusa, del genere preside che assume personalmente gli insegnanti entro il budget assegnato, sarebbe possibile contrattare individualmente anche i salari individuali degli insegnanti.  Credo che i sindacati e il 99% dei politici italiani vorrebbero istituire un reato di eversione dell'ordinamento democratico per chi anche solo pensasse eventualita' del genere, ma ho sbagliato ad escluderle a priori.