Titolo

Euro-Lira: uno stato, due monete

3 commenti (espandi tutti)

La mia esperienza e' minima rispetto la tua, tuttavia la mia impressione e' che le previsioni internazionali prevedano per i paesi sviluppati crescita al 3% asintotica "quando va bene", e in genere prevedono sempre e comunque, sia in periodo di crisi sia in periodo di euforia, che entro ~2 anni tutto "vada bene" e la crescita converga al 3%.  In questo contesto, una previsione al 2% e' almeno un piccolo passo nella giusta direzione. Nel lungo periodo tuttavia non vedo come sia possibile realisticamente prevedere qualcosa di meglio dell'1% sperimentato negli ultimi 15 anni, per l'Italia.  Il massimo che si puo' concedere e' 2% "quando va bene" intervallato da recessioni e crescite zero che portano la media del lungo periodo all'1%.

 

 

Si, quello che descrivi con "quando va bene" e' la crescita potenziale del Pil, sostenibile a lungo termine.

Non mi risulta che ci sia un 3% per tutti i paesi industrializzati, anche perche' ci sono differenze abbastanza osservabili (tipo il tasso di crescita della popolazione) che incidono sul potenziale di crescita di ogni paese.

Lo stesso DPEF italiano stima la crescita potenziale italiana sui 0,6%-0,8%, il che e' abbastanza credibile. Quello che fa tenerezza e' che siccome c'e' stato un tonfo di un 6% abbondante, allora per tornare a galla entro 3-4 anni l'economia dovra' per forza accellerare. E' per forza di cose l'economia dovra' crescere del 2%.

Dando per vero che esista questa galleggiabilita' dell'economia, perche' si torna a galla entro 3-4 anni? Perche' se mettevi 1-2 anni dovevi inventarti dei tassi di crescita assurdi, e tutti avrebbero sentito puzza di bruciato. Se ci mettevi piu' anni a chiudere questo output gap, la crescita reale sarebbe troppo bassa per sostenere il buco nel bilancio pubblico.

Il 2% di GT non e' la crescita potenziale a lungo termine ("quando va bene"), ma la presunta impennata per chiudere l'output gap (la differenza asintotica con il potenziale equilibrio) entro un limite di tempo arbitrario. Allego il grafico tratto dal DPEF, che si capisce meglio:

 

Cartomanzia.