Titolo

I bambini so' piezz'e core...

3 commenti (espandi tutti)

ma quante sono le scuola meridionali che hanno imbrogliato? non l'ho capito, ma mi pare che leggendo questa appendice 5, nelle conclusioni si suggerisce una quota superiore alla meta' delle scuole meridionali (mancando un gruppo di controllo, l'individuazione e' stata fatta sulla base della media, quindi il cheating e' scoperto solo se e' superiore al cheating medio).  Mi pare troppo, pero' se questo fosse confermato allora tutti i risultati sarebbero da buttare. Infatti, sarebbe bastato un gruppo di controllo con ispettori ninja che somministrano il test a questi adolescenti sia al nord che al sud.

Negli USA e' reato imbrogliare ai test (alcuni stati hanno arrestato dei principal che hanno manomesso le schede) ma li' il test e' obbligatorio e poi c'e' la legge  no child left behind. Sistemi statistici sono stati utilizzati per scovare i cheaters, e in alcuni casi hanno portato al licenziamento dei casi piu' evidenti (Jacob e Levitt si sono cimentati a Chicago su richiesta di Arne Duncan, oggi ministro dell'istruzione...su freakonomics c'e' una sientesi). Le prove statistiche possono essere utilizzate nei tribunali, ma servono piu' a dimostrare l'innocenza che la colpevolezza, essendo lo standard quello del "ragionevole dubbio", cio' 99% sicuri (quindi molto difficile, visto che anche test super potenti applicati a fenomeni rari porta piu' falsi positivi che veri positivi). Va meglio nelle cause civili dove lo standard e' "preponderance of evidence". 

A little Italy, questo test, da quello che ho capito, era una prova sperimentale, volontaria e anonima (almeno cosi alcuni insegnanti l'hanno capita), quindi senza farla lunga, difficile che possa esserci una sanzione. Comunque un magistrato di bologna mi pare abbia ritenuto di non procedere su un insegnante che si era rifiutato di somministrare il test invalsi lo scorso anno.

Ma Anxia che fine ha fatto?

 

Negli USA e' reato imbrogliare ai test

Credo anche in Italia sia reato penale barare nelle valutazioni scolastiche, come scrive RR. La differenza non e' questa ma il fatto che l'applicazione della legge in Italia e' elastica e subordinata all'esercizio e al mantenimento del potere, oltre che spesso alle convinzioni ideologiche personali.

ma quante sono le scuola meridionali che hanno imbrogliato? non l'ho capito, ma mi pare che leggendo questa appendice 5, nelle conclusioni si suggerisce una quota superiore alla meta' delle scuole meridionali (mancando un gruppo di controllo, l'individuazione e' stata fatta sulla base della media, quindi il cheating e' scoperto solo se e' superiore al cheating medio).  Mi pare troppo, pero' se questo fosse confermato allora tutti i risultati sarebbero da buttare.

Non sono d'accordo, quando ci sono dei dati vanno utilizzati.  Oltretuttto, si deve evitare di dare un incentivo a chi bara annullando il lavoro di chi ha operato diligentemente con correttezza. I dati possono fornire indicazioni sia sulla preparazione degli studenti sia su chi bara ed entrambe le informazioni sono molto utili.

che gli studenti delle scuole meridionali abbiano performance in media inferiori ai loro omologhi settentrionali e' previsto dalla teoria e confermato da svariate altre indagini. Quindi non vi e' nulla di nuovo, e in questo senso i dati, se la meta' delle scuole ha barato, sono inutili, salvo il punto che lo sbraco e' totale. Cosa te ne fai di dati che sono inquinati per oltre il 50%. Forse servira' per l'anno prossimo a capire se lo sbraco aumenta o si riduce.  Esperienza per la prova dell'anno prossimo.