Titolo

Padani o Polinesiani?

2 commenti (espandi tutti)

Marco, niente di male a essere in disaccordo qualche volta, sennò ci si annoia  :-)

Fammi specificare meglio il mio pensiero. Certo che mi fa orrore Borghezio che urla che vuole l'Europa ''bianca e cristiana''. Così come mi fa orrore Salvini che propone posti a sedere sui mezzi pubblici separati per etnie (e poi dice che ha fatto una battuta...proprio un bel senso dell'umorismo). E anch'io, come Marcello, non ho mai considerato di votare Lega esattamente per questo tipo di atteggiamenti. Chiaramente io e Marcello siamo una minoranza, but hey, what else is new?

Quello che volevo dire è che il panorama politico italiano è pieno di gente che poi, alla prova dei fatti, si rivela più pericolosa per i diritti civili anche se usa un linguaggio più pacato e apparentemente civile.

Prendi il caso dell'ignobile trattamento inflitto alla famiglia Englaro. In quel caso alla Lega posso imputare un vergognoso silenzio e complicità con i torturatori. I vari Sacconi, Quagliarello, Casini e Binetti, per citare personaggi sparsi su tutto l'arco parlamentare, sono invece stati attivi agenti della tortura, una conseguenza abbastanza predicibile dell'imposizione della morale cristiana per legge. 

A questo punto ripongo la domanda. Se io, per esempio, ritengo che il sogno di una Europa ''bianca e cristiana'', per usare le parole di Borghezio, sia una orripilante distopia, come mi devo comportare alle urne? Chi mi deve fare più paura? La Lega, l'UDC, il PdL o il PD? Sacconi o Borghezio? La risposta non è interamente ovvia (OK, nel caso specifico del decreto Englaro la Binetti era chiaramente in minoranza nel PD; ma ci siam capiti). Siccome la risposta non è ovvia, non vedo perché dovrebbe essere più difficile o più ingiustificabile votare Lega piuttosto che, per esempio, PdL. La verità è che è  difficile votare qualunque partito.

In tutto questo, la mia posizione è che finché la Lega ha personaggi come Borghezio il mio voto non lo vede neanche con il binocolo. Dico solo che capisco chi fa una scelta differente.

Ho capito il punto, come avevo capito che certamente tu nn apprezzavi quelle uscite infelici.