Titolo

Informazione scadente dal Corriere della Sera: imprenditori sotto i 30 anni nelle regioni italiane

4 commenti (espandi tutti)

Mi piace molto l'impostazione di commento di questo articolo che si rifà ad un metodo scientifico e non a un approccio "sentimentale". Per molte persone di questo blog la cosa sembrerà normale, ma per me che non sono un economista è nuova e interessante. Non bisogna fare di tutta l'erba un fascio, ma certo che la qualità media dei Giornalisti sta probabilmente scadendo. Ci sono dati statistici in merito? Esempio: paragonare con analisi scientifiche simili articoli di giornale ai tempi della cosiddetta Prima Repubblica con quelli sullo stesso argomento dei giorni d'oggi? Nonostante sia contrario ala istituzione degli Ordini Professionali di qualsiasi tipo, visto che ci sono, mi domando perchè non ci siano interventi da parte di quello dei Giornalisti per dare indirizzi di maggiore serietà su una cosa importante quale quella della informazione.

Se dici che sta scadendo, vuol dire che un tempo andava meglio. Quando succedeva questo?

Non bisogna fare di tutta l'erba un fascio, ma certo che la qualità media dei Giornalisti sta probabilmente scadendo. Ci sono dati statistici in merito?

Non sono sicuro che la qualita' dei giornalisti stia scadendo, a me sembra piuttosto che l'approssimazione e l'analfabetismo matematico e scientifico siano una caratteristica tradizionale  e radicata storicamente della societa' italiana.  Non conosco dati statistici su questo tema specifico.

Ritengo sia fuori luogo pensare che un Ordine professionale possa limitare l'incompetenza dei suoi iscritti.  Solo organizzazioni totalmente indipendenti dai giornalisti potrebbero avere l'autonomia e la credibilita' necessarie per criticare i peggiori scadimenti della qualita' della Stampa incentivando miglioramenti.

Ritengo sia fuori luogo pensare che un Ordine professionale possa limitare l'incompetenza dei suoi iscritti.  Solo organizzazioni totalmente indipendenti dai giornalisti potrebbero avere l'autonomia e la credibilita' necessarie per criticare i peggiori scadimenti della qualita' della Stampa incentivando miglioramenti.

Perchè questi soggetti indipendenti non dovrebbero essere semplicemente i lettori? non dovrebbero selezionare sulla base di ciò che preferiscono? ma sta davvero a cuore ai lettori la competenza scientifico/matematica degli articoli?

Infine la domanda: almeno in parte, è corretto dire che i lettori si ritrovano i giornali e i giornalisti che si meritano?