Titolo

Figli & figliastri

2 commenti (espandi tutti)

DF vuole ridurre la percentuale di tasse che torna in Sudtirolo.

No, voglio uguale trattamento per tutti i "territori del regno". L'opzione migliore in assoluto è, ovviamente, quella in vigore dalle tue parti ma - dovendo fare i conti con l'odiosa realtà - un second best potrebbe essere un certo riequilibrio di prelievo per il (mal)funzionamento della macchina centrale di cui, comunque, bisogna ridurre il peso.

nelle parole del DoktorFranz leggo il tipico atteggiamento di molti italiani che ritengono che, nonostante l'ingiusta annessione e le successive violenze fasciste, i sudtirolesi debbano dimenticare la loro identita'

Prego? Un veneto, pure con qualche goccia di sangue austriaco nelle vene, che chiede ad altri di rinunciare alla propria identità sarebbe davvero anomalo ..... Tra l'altro, ogni annessione è "ingiusta" in quanto determinata da eventi che passano sopra le teste delle popolazioni: se tu prendessi in esame anche la storia di altri territori troveresti (quasi?) ovunque motivo di recriminazione. Perché consideri validi solo i tuoi?

a mio avviso l'Italia e' stato ma non nazione

Certo. O, come sostieni più precisamente, per la maggior parte degli italiani il senso di appartenenza ad una nazione e' un sentimento sconosciuto. So what?

Le affermazioni di DF secondo le quali dietro alla difesa di autonomia si cela solo "accaparramento di risorse" e', a mio avviso, offensiva.

Nient'affatto. Trattasi di umana realtà ...... Altrimenti il caro Durni non si opporrebbe alle richieste del Veneto, ma le supporterebbe. Suvvia .... Il suo atteggiamento dipende solo dal timore di perderci, in termini di risorse e, di conseguenza, anche elettoralmente ...... :-)

ci sono altre regioni a statuto speciale [.......] DF invece se l'e' presa con l'Alto Adige: invida, o la solita piva degli italiani nei confronti dei "crucchi"?

Leggi. Ho semplicemente preso in esame le situazioni che conosco bene, specificando che il discorso può (e deve) essere ampliato a tutti gli altri "statuti speciali". Niete di personale contro i "crucchi", dunque, né chiunque altro. In particolare, se provassi chissà quali rancori non trascorrerei una tal quantità di tempo in loco, né dichiarerei il mio amore per la tua terra .....

l'Italia trova al suo interno un piccolo stato nello stato, che funziona bene, e tutto sommato contribuisce al prestigio del paese. Non mi sembra poca cosa.

.... mentre il Veneto - con le sue città d'arte e la sua economia trainante, le sue bellezze naturali e gli eventi culturali noti ovunque - invece no: argomento deboluccio assai, direi ..... :-)

 

Le mie argomentazioni non erano comparative. Non nego che il Veneto possa rivendicare molto di cio' che l'Alto Adige ha ottenuto, un po' per l'impegno dei propri politici, un po' perche' le loro controparti italiane (De Gasperi ecc.) hanno riconosciuto cosa fosse necessario per controbilanciare l'anomalia del sudtirolo sotto governo italiano. Ripeto, il mio argomento non e' "noi abbiamo y meriti e quindi x ci e' dovuto", ma che in considerazione del contesto storico lo status attuale del Sudtirolo e' l'unico equilibrio accettabile se l'Italia vuole mantenere sovranita' sul suo territorio.

Insisto sulla tua "fissa" con Durni: quello che forse non comprendi bene e' che il suo potere dipende indissolubilmente dalla sua capacita' di impersonare di fronte ai sudtirolesi il difensore dell'autonomia. Ed il "popolo" ha le idee piuttosto chiare da questo punto di vista (come hanno anche dimostrato le recenti elezioni provinciali). Forse sono troppo "idealista" io, ma sicuramente (almeno in questo caso) sei troppo cinico tu.