Titolo

Figli & figliastri

2 commenti (espandi tutti)

Ieri notte (l'unico orario in cui riesco a vedere la tv pubblica italiana) ho ascoltato un'intervista a giovanni floris, il programma era GLOB, un programma satirico, ma ormai in Italia le notizie le danno solo i comici, ma tant'è.

Floris ha detto una cosa interessante (preparata secondo me, ma vera): oramai in Italia i problemi si sono talmente incancreniti, le soluzioni sempre rimandate, che sia il Nord che il Sud sono giunti alla conclusione che è meglio fare da soli (magari il Nord ci crede di più), perchè comunque si pensa che i problemi specifici non possano essere risolti a Roma, ma localmente.

Non sono un appassionato dell'Unità d'Italia, ma sentimalmente sono legato all'idea, al di là delle annessioni/unioni c'è gente (molta, moltissima, un'intera generazione quasi) che ha dato la vita per questa idea, resta il fatto che non si è mai data la risposta all'affermazione di Cavour: "L'Italia è fatta, adesso bisogna fare gli italiani". 150 anni non sono bastati, il fascismo, con il suo centralismo totale ha finito l'opera all'incontrario.

Effettivamente, a questo punto, con gli odi e le rivendicazioni che si stanno innescando, che si sono già innescate, con tutti occupati a difendere il proprio orticello, è meglio una federazione che uno stato centralizzato, a patto di non sostituire milano ladrona a roma ladrona.

Io, al di là di tutto i fatti specifici, non penso che sia stato il fallimento dell'unità d'Italia, ma il fallimento di una classe politica, che dagli anni 70-80 in poi ha pensato solo a se stessa e ad arricchirsi a spese dei cittadini, senza mai volerne capire i problemi e le aspettative. Ma assolutamente non credo nel fallimento dell'Unità d'Italia, solo che a questo punto è meglio che ognuno si tenga le trote e i delfini e vada avanti per la sua strada..

 

Non sono un appassionato dell'Unità d'Italia, ma sentimalmente sono legato all'idea, al di là delle annessioni/unioni c'è gente (molta, moltissima, un'intera generazione quasi) che ha dato la vita per questa idea, resta il fatto che non si è mai data la risposta all'affermazione di Cavour: "L'Italia è fatta, adesso bisogna fare gli italiani". 150 anni non sono bastati, il fascismo, con il suo centralismo totale ha finito l'opera all'incontrario.

In effetti era Massimo D'Azeglio, la cui biografia rivela interessanti somiglianze con SB

http://it.wikipedia.org/wiki/Massimo_d%27Azeglio