Titolo

Figli & figliastri

1 commento (espandi tutti)

Se si vogliono cercare ragioni per giustificare una voglia secessionista lo si faccia pure, ma pretendere di usare tra queste la questione linguistica - e la voglia di rivincita a seguito della presunta oppressione "italiana" - ha la stessa dignità storica della discendenza ariana del popolo tedesco o, per un esempio più vicino a noi, del sud borbonico sfruttato dai Savoia.

Ma non è la stessa motivazione che si usa per giustificare l'intoccabilità della nazione ed il fondamento stesso della comune appartenza?

Comunque anche la CEI sembra difendere a spada tratta l'unità, quindi tutti possono star tranquilli (ma non era una congiura massonico-inglese contro il Vaticano, l'unità?).

Riprovo invece a chiedere: se il Nord fosse, diciamo, più povero del Sud, e quest'ultimo di conseguenza non dipendesse economicamente dal primo, si scriverebbero tanti accorati appelli al'unità o tranquillamente la Serenissima potrebbe tornare a far sventolare il leon senza tanti rimpianti?