Titolo

Operazione FFF. Consigli, non richiesti, alla vittima.

1 commento (espandi tutti)

Su Alemanno e Polverini e la compagnia di giro in vendita a prezzi di saldo concordo con te, erano e rimangono nullità, ma senza Fini starebbero ancora con il megafono in mano a presiedere cortei di quattro gatti..

Su Fini: non so quanto gli si addica il manifesto di Michele, ma l'appoggio incondizionato di Della Vedova e alcune posizioni di FareFuturonon sono lontane anni luce dalle posizioni di Michele (e anche le mie, anche se spero sempre che il PD chiami Giavazzi...), per cui nulla è ancora scritto, ha trasformato i quattro gatti dell'MSI in una destra conservatrice e statalista, adesso che quelle posizioni se le è prese il PDL, e in parte anche la Lega, passata dal liberismo di Pagliarini al mercato protetto di Tremonti, non gli resta molto che cercare spazio in una destra liberista.

Non sono un'analista politico, ma anche sui tempi non concordo con te e ne'elam, non sono dovuti al fatto che si è reso conto di non essere più il delfino (ammesso che lo sia mai stato), ma al fatto che si è reso conto che gli stavano falciando l'erba sotto i piedi, non al Nord, dove è cosciente che senza la Lega non si vince, ma che la Lega senza il PDL non vince, ma al Sud, dove prendono molti più voti, dove gli ex italoforzuti stanno cercando di soppiantare gli ex AN in tutti gli organigrammi, prendendosi anche le sedi (cercando di) ex AN, stante che Forza Italia è sempre stato un partito di plastica. Se non si smarcava adesso fra tre anni doveva telefonare a Bondi per chiederegli il permesso di presentarsi e di non metterlo ultimo nella lista, pregandolo in ginocchio.

Adesso ha tre anni di tempo, come ho scritto farà delle imboscatine al governo solo per ricordargli che è ancora potente e lo può fottere come e quando vuole, poi fra tre anni vedrà. Tre anni in politica in Italia sono un'eternità (e Fini lo sa), e i giri di valzer assolutamente all'ordine del giorno (Bossi e Berlusconi amici per sempre ? e il 1996?)