Title

Capitalism and socialism

13 commenti (espandi tutti)

Non voglio litigare. Leggo NFA proprio per mettere alla prova le mie opinioni. Ma.

Nei paesi socialisti si soleva parlare di "democrazia economica". Non mi sembra tanto strano che MM chiami democrazia la socialdemocrazia. Forse ciascuno fatica a vedere la sua di ideologia, senza dubbio io faticherò a vedere la mia. Solo credo che non sia automatico che il modello di capitalismo (iper?) liberista che più o meno mi pare sia la tua idea debba essere per forza superiore. Magari la carenza di regole ha qualche responsabilità nella crisi attuale.

Non credo che tu abbia riletto bene. Le parole contano ma anche il tono, tu sbeffeggi eccome. Ma forse dobbiamo accontentarci di dissentire.

Non se ne può più di sentire questa cantilena imbecille del liberismo senza regole o dell'anarchia di mercato. Davvero.

mi complimento con te, Gianluca per l'arguta replica. Grazie e addio.

D'accordo, Morelli, GG è stato un poco sprezzante. Ma esprime quell'insofferenza che proviamo in molti - credo - nel sentir ripetere ancora simili valutazioni, così lontane dalla realtà da poter dipendere solo da una pregiudiziale.

Francamente, a me pare che leggere ancora di "modello di capitalismo (iper?) liberista la cui carenza di regole è responsabile della crisi attuale", quando è ormai lapalissiana la genesi tutta politica del disastro economico in corso, faccia proprio cadere le braccia. In particolare se chi sostiene tale ipotesi ha recentemente seguito - come tu sembri dire di aver fatto - quanto in questo sito è stato spiegato in tutte le salse .....

Tralascio, per brevità, l'analisi che l'uso della locuzione iper-liberista suggerisce, in relazione ai principi fondanti del liberismo - meglio: liberalismo - in contrapposizione a quelli del socialismo: dirò solo che ricorda molto da vicino il termine "laicista" inventato dai cattolici, a fini polemici, non potendo efficacemente utilizzare la corretta parola "laico" in senso negativo.

Ti quoto al punto tale da portarti una bottiglia di limoncello "Made in Naples" come compenso..

P.s.

Stavo per scrivere le stesse cose quando ho visto il tuo commento..

Io ti porto il mirto, fatto in casa con le bacche che raccoglierò una a una a dicembre.

Ecco dimostrato empiricamente a cosa servano gli amici ..... ad elevare il tasso alcolemico .... :-)

Ma accetto molto volentieri entrambe le bottiglie, s'intende, purché si bevano in compagnia ........

più che sprezzante direi maleducato, ma direi che sono problemi dei suoi genitori.

che sia così lapalissiana non mi pare, visto che ci sono un paio di premi nobel (krugman e stiglitz) che la pensano diversamente da voi (forse non tutti ma ci siamo capiti).

Più sotto qualcuno dice dove lo vedo tutto questo liberismo in italia. e chi parlava dell'italia? Io continuo a ritenere che la socialdemocrazia del nord europa non abbia fatto una brutta figura. Continuo a pensare che si stia meglio a Oslo che a Houston (nonostante il clima).

Il "dagli al comunista" vi viene abbastanza bene, comunque.

 

Morelli, oltre a far battute e citare supreme autorità che son in tutto e per tutto in accordo con te, hai per caso anche qualcosa di TUO da dire o no?

 

Il "dagli al comunista" vi viene abbastanza bene, comunque.

Non vedo dove qualcuno ti abbia dato del "comunista" (excusatio non petita, accusatio manifesta ?).

Tutta la discussione è partita da MM che, alla fine del film, dice che il "capitalismo dovrebbe essere sostituito con la democrazia", secondo AB MM intendeva socialdemocrazia, ovvero mancava la parola socialism a quella frase, ma in Amerika una frase del genere avrebbe significato la morte del film, e MM ci tiene che i suoi film siano visti da quante più persone è possibile (capitalista ? liberista ? fai tu).

Nessuno ha parlato male della "socialdemocrazia", nessuno ha detto che è immonda, nessuno ha detto che non funziona, semplicemente ad alcuni non piace per l'elevato livello di tassazione che la "socialdemocrazia" comporta, ma nessuno dice che non funziona. Funziona in Svezia, Norvegia, Danimarca e Finlandia. E basta. Ai tedeschi non piace più. Ai francesi nemmeno. Gli inglesi si apprestano a rispedirli a casa (anche se il Labour Party di TB è molto lontano dai modelli della socialdemocrazia). In Italia non c'è mai stata, nel senso che lo "stato sociale" è servito, e serve, a un gruppo di potere per mantenersi al potere, difatti in Italia abbiamo tassazione svedese e servizi libici.

Chiuso. Le preferenze personali sono al di fuori dell'evidenza dei fatti.

Adesso ci spieghi, con calma e a parole tue, cosa significa iper-liberismo ?

Quello che volevo dire l'ho detto nel primo intervento: non trovo strano che MM preferisca la socialdemocrazia al modello americano (condivido questa opinione), e che la chiami democrazia.

 

Per quanto riguarda il resto mi pare che per voi di NFA il liberismo non sia mai abbastanza, quindi non sarà mai iper (ma questa parte della discussione mi sembra poco produttiva e non la continuerei se non vi dispiace).

Vorrei farvi capire che il mio intervenire nel vostro forum era un apprezzamento.  Con gli altri che si definiscono liberisti (o liberalisti che sia): Brunetta, Berlusconi, Tremonti (i giorni pari) non perderei tempo a discutere. Evidentemente ho sbagliato a mettervi in una diversa categoria.

 

Vorrei farvi capire che il mio intervenire nel vostro forum era un apprezzamento.  Con gli altri che si definiscono liberisti (o liberalisti che sia): Brunetta, Berlusconi, Tremonti (i giorni pari) non perderei tempo a discutere. Evidentemente ho sbagliato a mettervi in una diversa categoria.

Non sono un autore, ma un commentatore come te. Tralasciamo cosa vuole dire MM, lo sa solo lui, e, credimi, per un americano è difficile pensare alla socialdemocrazia: troppo lontana. MM è un propagandista anti e basta, non promuove alcuna soluzione al problema da lui "evidenziato", d'altronde è un regista, non è un politico. Ti piace la socialdemocrazia e pensi che MM sia d'accordo con te ? Non sei l'unico, ti ho già detto che le opinioni personali sono fuori, un'altra regola di Nfa è che non valgono le cose che vedi direttamente, ma i dati. Ad esempio quelli sulla felicità. Dove i primi due paesi sono uno socialdemocratico ed uno liberista a bassa tassazione.

Tu preferisci la danimarca, io vivrei volentieri in Irlanda (o entrambi), ma le preferenze personali non c'entrano.

Hai detto che la crisi è figlia dell'iperliberismo, continuo a non vedere l'evidenza dei fatti da te citati.

Con gli altri che si definiscono liberisti (o liberalisti che sia): Brunetta, Berlusconi, Tremonti (i giorni pari) non perderei tempo a discutere. Evidentemente ho sbagliato a mettervi in una diversa categoria.

Se provi a mischiarci con tali figuri per me sei un comunista -).

Si ma poi io questo iper-liberismo non lo vedo proprio. Poniamo anche che per ragioni tue personali tu non gradisca il liberismo, ma dove lo vedi questo liberismo?

In Sardegna, per fare un esempio, si vedono cose incredibili. Allora, ultimamente ho visto la regione impegnata a spendere soldi pubblici per sostenere i seguenti settori: contributi per il comparto dei pomodori, contributi per il comparto delle cozze, contributi per l'editoria, contributi per la stampa periodica, contributi per la formazione professionale, buoni mangime per le aziende agricole, regionalizzazione della azienda statale Saremar collegata alla Tirrenia, sospensione delle bollette dell'acqua agli agricoltori dell'oristanese; contributi ammordenamento imprese apistiche...e traggo queste informazioni leggendo nell'archivio notizie andando a ritroso fino a Luglio 2009. Cioè, in meno di tre mesi questi sono solo alcuni degli interventi politici sull'economia della Sardegna, e non credo che altrove, almeno nel sud, le cose siano diverse...e al governo in Sardegna dovremmo avere il centro-destra liberale e liberista.

Quindi tu puoi anche dire che non ti piace il liberismo, ma la mia domanda è: ma dove lo vedi il liberismo? O l'iper-liberismo.