Title

Capitalism and socialism

4 commenti (espandi tutti)

grazie alberto,

La cromodinamica quantistica piu' o meno prevede che gli stati legati di quark siano "bianchi" o senza colore, cio' si puo' ottenere in diversi modi tra cui con tre quark di tre colori diversi (barioni) oppure con un quark di un colore e un antiquark con anti-colore relativo allo stesso colore (mesoni).

la dimostrazione che, volendo, la fisica è più semplice dell'economia. Io sono rimasto fermo agli elettroni, neutroni e protoni, ma per il mio lavoro va bene così, devo dire che la fisica, mi sembra, stia facendo sempre più passi da gigante. A fondi come state messi ?

A fondi come state messi ?

La risposta semplice (e semplificativa) è "male grazie".

La risposta un po' meno semplificativa (per quanto stringata, ci sarebbe da scriverci libri interi sull'argomento) è che i fondi più o meno ci sarebbero anche ma vengono distribuiti in maniera assolutamente non meritocratica e quindi vengono risucchiati dai vari baronetti locali che non si capisce esattamente cosa ci facciano dato che, mediamente, hanno una produzione scientifica pari a quella di mia nonna.

Ai piccoli gruppi di ricerca che pubblicano su riviste prestigiose (o anche quelli che pubblicano su riviste meno prestigiose ma portano avanti un importante lavoro di sviluppo di nuove tecnologie) restano le briciole e le briciole non sono sufficienti a tirare avanti.

Se a questo ci aggiungi l'impossibilità cronica di assumere giovani ricercatori meritevoli con contratti non vergognosi (notare che non parlo di contratti a tempo indeterminato, mi accontenterei del "non vergognoso") comune a praticamente tutti i settori dell'università il futuro prossimo venturo non è particolarmente roseo.

Preciso quanto scritto da JB per il solo settore di fisica delle particelle elementati o delle alte energie.  Questo particolare settore e' finanziato dallo Stato ad un livello comparabile ad altri Stati piu' ricchi e meglio funzionanti, sostanzialmente grazie ad una favorevole tradizione storica che risale ai primi decenni del 1900 (Fermi e il gruppo di via Panisperna), grazie ad un fisico, che non nomino e che probabilmente avete visto in TV, che e' stato presidente INFN ed ha avuto e conserva relazioni particolarmente buone coi politici DC, e infine anche per il sostanzialmente buon funzionamento dell'INFN.  Ovviamente come ovunque anche in questo settore fondi aggiuntivi sarebbero utili e bene accolti e consentirebbero di ottenere buoni risultati.

Io ho capito chi questo fisico...ma non sarà mica quello che scrive libri su "Perchè io credo che esista Dio"?

Ricordo che questo personaggio la domenica mattina faceva una rubrica di fisica all'interno di quei programmi contenitori dove si discute di tutto, dalle dermatite della tartaruga domestica, fino ad arrivare ai consigli medici e fiscali per i bipedi. Ebbene, l'esimio fisico rispondeva alle domande che arrivavano da casa, mi pare per telefono, lasciandosi andare a questa sorta di populismo metodologico per cui ti spiegava, ammesso che lo capissimo davvero, che senza certe forze fisiche, che chiamava con nomi astrusi, non si potevano cuocere gli spaghetti o fare la pizza...aggiungeteci il forte accento meridionale (siculo se non sbaglio) e capirete che mi sembrava sempre il fratello scemo di Totò, e non faceva manco ridere...

Ps: comunque ditemi voi: ma può un settore di ricerca avere sostanziosi finanziamenti perchè un certo fisico è amico di un certo politico? Comunque ora non credo che si investa più negli eredi dei ragazzi di via Panisperna...al massimo si punta tutto sulle ragazze di Villa Grazioli, le cui attività (nel campo della biologia) si prestano a truci assonanze con il riferimento toponomastico con il quale si richiamano abitualmente Amaldi e gli altri.